Poche modifiche ma che potrebbero rivoluzionare le abitudini dei milazzesi. Durante lo scorso weekend, in concomitanza con la festa del patrono Santo Stefano Protomartire e dei concerti di Lello Analfino e Tiromancino, la polizia locale ha provato il doppio senso di circolazione nella via Cristoforo Colombo. Per diverse ore della sera, nel tentativo di fare defluire velocemente il traffico viario, è stato aperto l’accesso di Piazza Roma.

Un esperimento che avrebbe soddisfatto il comando della polizia municipale e che accelererebbe l’intento – annunciato poco dopo l’insediamento dal sindaco Pippo Midili e mai attuato – di rendere definitiva la modifica. A quanto pare in autunno il doppio senso di circolazione dovrebbe diventare operativo, con tre ulteriori novità: Si potrà parcheggiare negli attuali stalli a pagamento ma in senso contrario (da Piazza Roma verso la Marina Garibaldi), verranno soppressi i parcheggi degli scooter per essere trasferiti, probabilmente, nello spazio antistante che guarda il mare, il cambio di marcia di via Cumbo Borgia (si potrà andare verso il teatro Trifiletti).

Un’altra modifica imminente potrebbe essere il cambio di marcia della via San Giovanni che dal porto (adiacente farmacia Castelli) consentirebbe di salire verso Piazza XXV Aprile e dunque l’asse viario.

L’amministrazione, comunque, sta aspettando la revisione del Put, Piano urbano del Traffico, realizzato durante l’ultima amministrazione Pino (Midili ricopriva la carica di assessore alla Viabilità) e mai attuato tranne nella parte relativa alla realizzazione delle rotatorie in centro. L’attuale primo cittadino dai banchi dell’opposizione chiedeva a gran voce la sua applicazione ma, quando è toccato a lui, ha toccato con mano che necessitava una revisione. L’incarico è stato dato allo stesso progettista, l’ingegnere Stefano Ciurnelli.

Toccare la viabilità a Milazzo è sempre un rischio. La conformazione del territorio consente poche modifiche e, queste, spesso non sono popolari. Dopo l’annuncio in pompa magna dell’attuazione della Ztl al Tono con tanto di telecamere predisposte per fotografare e multare i trasgressori queste non sono mai state montate e la zona a traffico limitato, di fatto, mai diventata operativa. Secondo fonti del comune le telecamere sono arrivate in piena estate, dunque il discorso ritornerà d’attualità la prossima primavera (da aprile a settembre) ma, di certo, le reazioni negative suscitate dopo l’annuncio dell’amministrazione Midili probabilmente ha consigliato di cogliere la palla al balzo e attuare maggiore prudenza.

I cartelli della Ztl al Tono di Milazzo (FOTO OGGI MILAZZO)

 

guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Peppe
Peppe
2 mesi fa

L’unico esperimento già fatto e riuscito è la chiusura di tutto il centro,parcheggi fuori città e navette. Tutti sti esperimenti volti a velocizzare il traffico sono un fallimento per mancanza di strade. ZTL agli ingressi parcheggi obbligati e pista ciclabile x tutta la città. Aria pulita e silenzi

Aprite via tenente minniti
Aprite via tenente minniti
2 mesi fa

Aprite via tenente minniti dall’asse viario

Mellow
Mellow
2 mesi fa

Aprite via tenente minniti rimuovendo il guard rail E le catene, non ci vuole niente
Basta poco
Una strada grande e dritta che scende nel porto
Si evitano i semafori, i rischi, l’inquinamento e i disagi
Risolveremmo molto

Jack
Jack
2 mesi fa

Midili il sindaco del fare…. a metà!

Graziano
Graziano
2 mesi fa

Mi auguro che gli assessori e anche i consiglieri dell’opposizione facciano capire al sindaco che fare la zona ZTL a Milazzo è ridicolo. Noi non viviamo né a Taormina né a Montecarlo dove c’è il lusso ed il turismo fa la differenza. Poveri solo noi milazzesi