Contrastare il lavoro nero attraverso un controllo degli archivi dei rispettivi cantieri da parte degli Enti provinciali,  che avranno così la possibilità di monitorare sulla corretta applicazione delle norme e individuarne le eventuali irregolarità. 
È questo l’obiettivo del nuovo protocollo firmato  dall’Ispettorato Territoriale del Lavoro e dalla Cassa Edile di Messina, che è stato siglato anche sulla base di un accordo quadro nazionale, sottoscritto dalla Commissione Nazionale delle Casse Edili, ente di indirizzo e coordinamento centrale di tali enti, e l’ Ispettorato Nazionale del Lavoro. Soddifazione è stata espressa dal presidente e dal vicepresidente dal Cassa Edile di Messina, Maurizio Maiorana e Pippo Famiano che hanno siglato il protocollo insieme al Direttore dell’Ispettorato del lavoro, Venerando Lo Conti. 
“Questo protocollo – spiegano Maiorana e Famiano- rientra nell’ambito delle azioni di contrasto al lavoro irregolare da parte delle organizzazioni datoriali e sindacali del comparto edile della provincia di Messina e adesso auspichiamo che, alla sinergia mostrata dall’Ispettorato al Lavoro e dalla Cassa Edile di Messina, faccia seguito analoga disponibilita’ di intenti e di azioni da parte degli altri Enti previdenziali e di controllo per consentire la sicurezza e regolarita’ del lavoro. Perché solo così-concludono- si può realizzare una efficace e proficua attività di contrasto,  attraverso anche una  gestione condivisa del patrimonio informativo di tutti gli Enti preposti, come gia’ accade in altri territori dello Stato” .
 
 
 

Condividi questo articolo