Oltre cento attestati e coccarde tricolore consegnate ieri nell’atrio del Carmine durante una breve cerimonia istituzionale. Così il sindaco Giovanni Formica ha voluto rendere merito al lavoro svolto da tutti i cittadini volontari che durante il lockdown hanno supportato l’Amministrazione comunale. Un piccolo esercito di cittadini che da metà marzo a fine aprile ha lavorato senza sosta per cucire e consegnare mascherine, recapitare buoni spesa e pacchi alimentari. Ma non solo. Anche per dare un supporto psicologico ai cittadini chiusi in casa e guidare chi era costretto all’isolamento all’interno delle proprie abitazioni.

Carmelo Nicosia

Sul palco allestito per l’occasione anche gli assessori Pierpaolo Ruello e Ginevra Schiavon. «Sono stati due mesi intensi – ha detto l’assessore Ruello – che hanno cambiato le vite di tanti. E quello dei volontari è stato un servizio offerto alla città con grande generosità. Cittadini che hanno scelto di spendersi per la collettività assumendosi la responsabilità di un servizio comunque fatto sempre nel rispetto della sicurezza personale. Quello di oggi vuole essere un piccolo gesto dell’Amministrazione per dire grazie. Grazie per essere stati braccia e gambe della Città e per aver lavorato in un momento di grande difficoltà senza guardare giorni e orari».

«Per tutti – ha detto il sindaco – è stata una vicenda inimmaginabile che ha cambiato lo stile di vita di tutti. Eppure in un momento di così grande difficoltà ci sono stati cittadini che hanno avvertito l’esigenza di aiutare la propria città. So perfettamente che Milazzo è una città solidale cosa che ha dimostrato anche in questa occasione». Un ringraziamento speciale del sindaco è andato alle sarte della Lute che per due mesi continuativi hanno cucito mascherine arrivate a buona parte della popolazione. «Siete stati tutti speciali – ha concluso Giovanni Formica – ognuno di voi per un motivo diverso. Avete avuto il garbo di andare a consegnare pacchi alimentari di sera quando c’era buio per non farsi vedere e avuto l’accortezza di consegnare buoni spesa in buste anonime. Tante piccole accortezze che hanno fatto la differenza».

Ancora più breve ma intenso l’intervento dell’assessore alle Pari Opportunità Ginevra Schiavon che non è riuscita a mascherare la commozione. A lei, giunta al Comune da volontaria, è toccato coordinare il nutrito gruppo di premiati.
«Vi chiedo aiuto anche oggi – ha detto la Schiavon, al momento infortunata – Voglio fare un applauso a tutti voi ma ho il braccio rotto. Fatelo voi per me. Grazie a tutti perchè Milazzo ha superato al meglio le emergenze del lockdown»

Un ringraziamento speciale da parte del sindaco Formica è stato fatto al volontario Carmelo Nicosia, presente dal primo momento e impegnato su più servizi. Ancora oggi il suo lavoro supporta molte delle attività di volontariato per il Comune.

 

Condividi questo articolo
3.175 visite
guest
8 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Cetty
Cetty
21 giorni fa

Per tutti gli operatori del centro Covid di milazzo che sono coinvolti ogni giorno per quasi 3 mesi e tutt’ oggi cosa ricevono ma…

Lulu
Lulu
22 giorni fa

E come ciliegina avevamo bisogno un assessore del nord che non conosce completamente Milazzo. Atrio del Carmine che ad inizio legislatura si vantava di avere aperto ai milazzesi e adesso è da quasi un anno che è chiuso.Menomale che non c’è stato nessun focolaio a Milazzo, altrimenti eravamo nelle mani di nessuno.

Salvo
Salvo
22 giorni fa
Reply to  Lulu

…in effetti però non è che vada meglio quando gli assessori hanno “conoscenza o conoscenze”

2cati
2cati
21 giorni fa
Reply to  Lulu

Un esperto è arrivato in Sicilia in barca a vela…..

Giovanni
Giovanni
21 giorni fa
Reply to  Lulu

Perche non ti sei proposta tu, come assessore? sicuramente parli bene…….

Lulu
Lulu
19 giorni fa
Reply to  Giovanni

Perché ho parlato male? Per lo meno conosco la mia città e mille e rotti euro al mese me li prenderei io anziché una del nord che non sa niente di Milazzo. Oppure possiamo proporre a te se sei più scaltro.

Vincenzo
Vincenzo
23 giorni fa

Per gli operatori sanitari dell’ ospedale di Milazzo che in questo momento accolgono pazienti che arrivano da tutta la fascia tirrenica che va da Villafranca tirrena a Sant’ Agata di Militello nessun plauso. A vergognatevi!

salvo
salvo
21 giorni fa
Reply to  Vincenzo

Campagna elettorale………….solo campagna elettorale