Compleanno amaro per il parroco di Grazia, padre Antonio Francesco Costantino. La polizia locale del comune di Milazzo guidata dalla comandante Giuseppa Puleo – secondo quanto risulta ad Oggi Milazzo – ha sequestrato su disposizione del Tribunale di Barcellona la sua abitazione, una villa di circa 200 metri quadrati, nella frazione Santa Marina. Secondo quanto sostiene il dispositivo di sequestro parte della struttura sarebbe stata realizzata senza le necessarie autorizzazioni e, dunque, abusiva.

Nel pomeriggio il sacerdote è stato costretto a lasciare l’immobile portando con se beni personali di prima necessità in quanto il gip ha disposto non solo la posa dei sigilli nella parte abusiva ma anche l’inibizione all’accesso in tutta la casa.

La villa di 140 metri quadrati, a quanto pare, avrebbe avuto tettoie abusive su tre lati della casa e, nella corte, un fabbricato interamente abusivo di 70 metri cubi destinato a locale ricreativo con cucina e soggiorno.

Gli agenti della polizia locale hanno fatto un primo sopralluogo nel febbraio scorso dopo avere ricevuto un dettagliato esposto anonimo. Gli atti sono stati inviati per competenza al tribunale di Barcellona. Oggi il sequestro proprio nel giorno del 61° compleanno di padre Costantino che si è trasferito nei locali di servizio della parrocchia che regge da oltre un decennio, parte dei quali messi a disposizione di migranti. Un provvedimento di certo molto severo che potrebbe, però, avere altri risvolti in futuro.

Condividi questo articolo
12.754 visite

15
Rispondi

avatar
400
12 Comment threads
3 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
15 Comment authors
FrancescomimmofrancescoPaoloDon Lurio Recent comment authors
più recente meno recente più votato
mimmo
Ospite
mimmo

L’accoglienza paga…..

Paolo
Ospite
Paolo

Colpevole o meno ( in Italia le sanatorie sono il pane quotidiano), sorge sempre il dubbio che queste “scoperte” si fanno solo per qualche “mano segreta” che, per interesse, invidia o mancanza di attributi, trova sfogo nell’anonimato per segnalare abusi o altro. Della serie il controllo del territorio è sempre peggio…o dedicato!

francesco
Ospite
francesco

Pienamente d’accordo con te… solo i vigliacchi e i senza attributi fanno segnalazioni anonime… io ne conosco un paio in zona Tono…. invidiosi che nella vita oltre al proprio fallimento non possono ambire…

Francesco
Ospite
Francesco

Anche fosse? Sarebbe dovere di ogni cittadino segnalare abusi, reati, ecc. Uno dei grossi problemi dell’Italia (e al sud ancora di più) è la mancanza di senso civico e la mancata condanna sociale di chi fa il furbo.

Don Lurio
Ospite
Don Lurio

Quale uomo di fede ha seguito l’esempio di Gesù, infatti Gesù abitava in una villa con tutti i confort, l’anello d’oro al dito e il conto corrente in banca!

Carmen
Ospite
Carmen

Chi esce dalla Chiesa a causa delle persone è perchè non ci è mai entrato per la vera porta, Gesù Cristo!

Davide
Ospite
Davide

Sono i preti moderni, i cosiddetti “2.0”, quelli che fanno la messa quasi fosse un mestiere; si spostano col macchinone, vivono in villette o ampi appartamenti, spesso serviti e riveriti, corredati di smartphone, pc portatili (li trovi pure nelle chat); vanno anche in palestra, in locali la sera, viaggiano… insomma, fanno una vita comoda e molto lontana dagli insegnamenti di Cristo.