Un protocollo d’intesa con la Soprintendenza per rilanciare e valorizzare adeguatamente l’offerta del Museo archeologico regionale “Ryolo”. Questa la richiesta avanzata all’Amministrazione comunale dai consiglieri Francesco Alesci, Maria Magliarditi e Rosario Piraino al fine di consentire alla città del Capo di inserirsi, al pari di altre realtà, come Lipari, tra i siti culturali da visitare.

“Il nostro museo – sottolineano – è uno dei più importanti dell’isola per la morfologia del sito, sia per il valore storico-archeologico dei reperti presenti, che sono testimonianza della storia antica di Milazzo. Tra l’altro reperti rinvenuti nel nostro suolo oggi si trovano a Siracusa e a Lipari. Riteniamo che attraverso una sinergia con la Soprintendenza di Messina si possa portare avanti quella strategia che una città ricca di storia e di arte merita di avere, ricevendo le attenzioni da parte di studenti e studiosi di tutta Europa. Ad oggi invece questa realtà è poco conosciuta nonostante sia aperta da quasi 9 anni (è stata inaugurata nell’aprile del 2010)”.

La mozione impegna l’Amministrazione a dare risposte che – sottolinea il consigliere Alesci, primo firmatario del documento – sono fondamentali per rafforzare la nostra vocazione turistica e consentire un ritorno dal punto di vista economico e occupazionale.

Condividi questo articolo
278 visite

1
Rispondi

avatar
400
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Paolo Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Paolo
Ospite
Paolo

Vorrei sapere quanti, dei sottoscrittori, si sono recati al museo….in un giorno qualsiasi. Qualche turista, spaesato, abbandonato a se stesso. Tanta cortesia,per carità, ma l’offerta turistica la devi fare con la professionalità che qui, raramente si trova. Gente che cazzeggia con il cellulare, che fuma in attesa della chiusura…insomma tanto “impegno alla fuga” ed alla sopportazione tipico!