Troppo caos e smog a Milazzo: in attesa della riattivazione delle “strisce blu”, rinviata al prossimo anno, nelle vie de centro la sosta sarà consentita per un massimo di due ore. La decisione è stata presa dal sindaco Giovanni Formica per dare vita ad un parcheggio più “democratico” ed evitare l’innalzamento dei livelli di inquinamento causato delle auto che intasano il centro alla ricerca di parcheggi. La situazione è seria. Nelle prossime settimane l’Arpa posizionerà una centralina in Marina Garibaldi per monitorare la qualità dell’aria a Milazzo e i livelli di inquinamento derivanti non solo dalla presenza delle industrie ma anche dal transito delle automobili nel centro cittadino. Particolare attenzione alle polveri sottile (le famigerate P10) diffuse dalle marmitte dei mezzi. L’intento è quello di assicurare che le zone frequentate dalle famiglie per passeggiare e fare shopping siano salubri. «Ho letto di fantasiose ipotesi di istituzioni di transito con targhe alterne – dice il sindaco – ma in questo momento lo escludo, non abbiamo dati che ci portino a ipotizzare una cosa del genere. A stabilire l’estrema decisione, in ogni caso, è la legge che pone limiti e soglie, non è una decisione estemporanea del sindaco o dell’assessore all’Ambiente. L’unica cosa certa è che in passato, nella stessa zona, l’Arpa non ha registrato dati al di sopra delle soglie previste dalla legge». A favorire il centro cittadino è anche la condizione meteo (i venti disperdono gli inquinanti). In realtà anche il sindaco Formica riconosce che ultimamente la viabilità cittadina è particolarmente caotica. Il problema si è accentuato in alcune strade anche a causa della mancanza cronica di parcheggi in assenza di una rotazione legata alla sosta a pagamento. «Proprio per questo allargheremo entro il prossimo mese in tutto il centro cittadino le zone con disco orario e il massimo di due ore di sosta. In questo modo eviteremo parcheggi costantemente occupati dalle stesse auto e, in particolare, di chi si imbarca per le vacanze alle Eolie»

 

Condividi questo articolo
1.025 visite
guest
13 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
poveramilazzo
poveramilazzo
4 anni fa

“Semplice” non ha ancora capito che a Milazzo se il tempo è bello sono tutti al mare e isola pedonale DESERTA! se c’è vento di ponente sono al mare di levante e isola pedonale DESERTA! se proprio il tempo è brutto da non poter andare al mare sono a passeggiare far la Via Medici e il Lungomare e isola pedonale DESERTA! ma per favore glielo dica qualcuno che la sua Isola é INUTILE!!

poveramilazzo
poveramilazzo
4 anni fa

topogigio penso che il tuo inutile commento sia dovuto al fatto che sarai uscito dal tuo buio torpore e in stato confusionale spari minchiate . le centraline dell’arpa vanno posizionate dove ci sono insedismenti industriali. il traffico veicolare da anni e soprattutto nell’ultimo è diminuito in maniera drastica. poi “semplice” ha pensato bene ad aumentarlo con la chiusura del Lungomare.

leale85
leale85
4 anni fa

Anche questo fine settimana sono state registrate 3000 presenze sull’isola pedonale davanti ai negozi e circa 1000 persone a passeggio in bici sulla pista ciclabile…incredibile!!!

Antonio
Antonio
4 anni fa

Siamo alla frutta, senza neanche aver gustato una portata del pranzo che, invece, da decenni si spartiscono i soliti con maschere differenti ogni volta. “Idda non quagghia, u iattu sa
dicca…” direbbero gli antichi. L’isola pedonale, come la pista ciclabile ecc..tutto è fallimentare e allo sbando, in barba al “semplice” tanto decantato, ma questo non ci autorizza a comportarci come barbari!

Franco
Franco
4 anni fa

Ma il Sindaco si è chiesto se la ridicola pista ciclabile, le inutile isola pedonale in Marina e l’eliminazione dei parcheggi lato negozi, l’inversione della C. Borgia non sono la causa di tutto?
Rimetti le cose com’erano e vedrai che, non dico rilsolvi il problem ma sicuramente migliori la situazione.
D’accordo per la sosta oraria.