A Milazzo scatta l’emergenza sull’ordine pubblico. Stanotte ignoti hanno rubato al palazzetto comunale un gruppo elettrogeno del peso di 3000 chili. I danni ammonterebbero a 50 mila euro. Per asportarlo i ladri avrebbero utilizzato indisturbati una gru al centro di uno snodo viario particolarmente trafficato (anche nelle ore notturne) come l’asse viario. Un furto che allontanerà, di certo, l’apertura della struttura prevista a novembre mettendo in crisi numerose società sportive impegnate nei rispettivi campionati, a cominciare dal Basket “Citta di Milazzo”. Come se non bastasse, sempre stanotte, è stato registrato l’ennesimo furto di rame lungo la Panoramica (corso Aldo Moro) tra la Croce di Mare e l’hotel Riviera. Ormai è allarme pubblica sicurezza. Il prefetto ha inserito il “caso Milazzo” all’ordine del giorno del comitato per la pubblica sicurezza previsto mercoledì prossimo. All’incontro prenderà parte anche il sindaco Giovanni Formica.

Il gruppo elettrogeno si trovava nel cortile esterno alla struttura di Via Valverde, che funge anche da parcheggio. Essendo il palazzetto un cantiere di lavoro, il cancello di ingresso sarebbe stato chiuso con un semplice lucchetto. A quanto pare non vi erano sistemi di sicurezza o telecamere in funzione. Il gruppo elettrogeno trafugato dai ladri avrebbe garantito le luci d’emergenza e i servizi essenziali all’interno dell’impianto sportivo in caso di black-out. Gli autori del furto si sono introdotti anche dentro il palazzetto rompendo delle porte e raggiungendo il tetto dove vi sono installati pannelli fotovoltaici, ma senza toccare nulla (è sembrata una ricognizione). Inoltre, hanno tagliato cavi dell’illuminazione interna.

«Prima i furti di rame nella Piana, la settimana scorsa la razzia al plesso scolastico Carrubaro, oggi il palazzetto, ormai a Milazzo possiamo parlare di un assalto sistematico ai beni comunali che sta producendo danni enormi alla collettività – si sfoga l’assessore ai Lavori Pubblici Ciccio Italiano». L’amministrazione aveva promesso alle società sportive l’apertura del palazzetto a novembre. «Faremo tutti gli sforzi necessari – dice Italiano – ma non so se ci riuscirò. Non dipende dalla volontà dell’amministrazione. Anche se riuscissimo a trovare le ingenti risorse economiche per riparare i danni non so se gli uffici saranno in grado di espletare l’iter in tempi utili e le ditte a concludere gli interventi materiali»

Condividi questo articolo

guest
16 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Domenico
Domenico
6 anni fa

Vergogna!! Questi strani furti lo sapete cosa comportano?? Buove spese pubbliche..nuovi appalti..nuovi ritardi..a Milazzo c’e’ sempre piu puzza di mafia! E il Sindaco che fa? Niente, sta su Facebook! Assurdo!! Vergogna!! Subito dimissioni di Formica, poi al voto

pippobigfish
pippobigfish
6 anni fa

ma quanto siamo c…..pure i ladri ci prendono per il c…

Antonio
Antonio
6 anni fa

Il furto sfacciato. Mi spiego, un furto preparato con sfacciataggine, con la sicurezza di non essere scoperti e nel caso succedesse…una scusa valida e pronta. Mi ricorda il furto dei pannelli solari della piscina comunale, chi si ricorda??? Immagino ore di duro lavoro all aria aperta smontando tutto e caricando il botttino sicuramente non su una 500… Qui sparisce un bestione da 3 tonnellate e nessuno sa o vede niente… Mah !!! Lo hanno portato via a spinta? O a rimorchio tipo camper? Dove colpiranno la prossima volta? Di questo passo potrebbero fregarsi anche la statua di luigi rizzo non… Leggi il resto »

Marcello
Marcello
6 anni fa
Reply to  Antonio

Tu dov’eri??

cittadini attenti
cittadini attenti
6 anni fa

Da quando non c’è Pino come sindaco , i vigili girano a vuoto .ora capisco perché i sig.vv.uu. erano contro il sindaco . Amministrazione , bisogna far vigilare chi di competenza e non permettere durante il servizio di farsi i fatti propri . O bar , o cellulare a parlare , o in un lato a guardare il traffico. Finiamola di fare gli amici , amministratori , ognuno il proprio lavoro. Pino ci manchi!!!!!!!

Benito
Benito
6 anni fa

Stiamo arrivando alle ronde notturne..solo così possiamo tutelare il nostro territorio.