Nonostante la numerosa presenza dei rappresentanti delle aziende cittadine, l’incontro di ieri nell’aula consiliare tra l’assessore allo sviluppo economico Maurizio Capone e il dirigente Domenico Lombardo con i commercianti è finito con un “nulla di fatto”. La riunione promossa dall’amministrazione comunale era stata organizzata per discutere della programmazione a medio (periodo natalizio) e lungo termine (estate 2024) delle iniziative da portare avanti a Milazzo. Ma l’unica proposta venuta fuori per le festività natalizie che stanno per arrivare è stata quella di allestire i marcatini in piazza Caio Duilio o in via Cumbo Borgia e non sul lungomare o come in passato in vi Medici. Proposta fatta dal portavoce del Comitato spontaneo dei commercianti, Maurizio Capone (omonimo dell’assessore). Che gli eventi avessero una location diversa è stato sottolineato anche da Mario Sfameni di “Fare Milazzo”. La richiesta fatta, invece, da Pippo Russo, presidente del Centro Commerciale Naturale, è stata più mirata. «E’ necessario – ha detto – selezionare gli eventi cercando di trovare una formula che sia principalmente rivolta ai bambini. Un’idea potrebbe essere quella di mettere in piedi una tensostruttura dove organizzare iniziative rivolte esclusivamente ai minori e offrire alle famiglie la possibilità di lasciare per qualche ora i bambini alle animatrici». Soluzione che porterebbe i genitori a passeggiare più a lungo nel centro cittadino e poter fare shopping in tranquillità.

Per cercare di trovare soluzioni concrete e operative un nuovo incontro è già stato programmato fra dieci giorni.

All’incontro era presente anche Confcommercio col presidente provinciale Carmelo Picciotto e il referente locale Giovanni Maimone. «L’amministrazione non organizza eventi ma redige un calendario ascoltando gli esercenti – ha detto l’assessore Maurizio Capone – e quindi attendiamo di avere riscontri concreti. L’obiettivo è rendere la città più accogliente ma è chiaro che un ruolo chiave dovrà averlo la categoria per motivare chi arriva a Milazzo a visitare i negozi, con una offerta che sia appetibile». Ma nel corso della mattinata non sono arrivate proposte e gran parte della riunione è stata assorbita dall’ennesimo dibattito sull’isola pedonale estiva, con coloro che da sempre l’hanno avversata che hanno ribadito come abbia penalizzato economicamente molte attività. Altri l’hanno considerata positiva, rimarcando però le solite criticità.

Accese anche le contestazione fatte dall’imprenditore Salamone, proprietario in città di tre albergi.

Considerazioni respinte dall’assessore Capone che ha sottolineato come l’argomento fosse altro. Qualche commerciante ha invece lamentato l’esosità dell’Imu, ma al riguardo Capone ha spiegato, invitando anzi in maniera chiara i commercianti, che è opportuno mettersi in regola col pagamento dei tributi, sia per far sì che il Comune possa garantire i servizi, sia soprattutto per evitare che scattino quei provvedimenti sanzionatori previsti dalle nuove normative che portano anche alla sospensione dell’attività.

Il presidente di Confcommercio, Carmelo Picciotto ha invitato i commercianti a fare rete per avviare una “rigenerazione urbana per una diversa  promozione delle attività commerciali. «Occorre lavorare insieme uscendo dalle posizioni individuali perché la concorrenza della rete e di altri mercati rischia di distruggere le attività più piccole. Bisogna avviare un  processo che mira a trasformare e migliorare le aree urbane esistenti, sia fisicamente che socialmente. Anche Milazzo al pari di altre città – ha aggiunto Picciotto – vive una fase di difficoltà e per questo occorre maggiore unità, più azione e meno polemiche. I titolari delle varie  attività devono mettere in campo proposte esperenziali in particolare in ambito turistico».

Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
nane
nane
6 mesi fa

Chissà quali genialate sono state partorite…
Da chi soprattutto??
Ma i programmi da chi devono esser fatti dai commercianti o dagli assessori?

C’è Posta per Pippo
C’è Posta per Pippo
6 mesi fa

Una cosa bellissima che attirava tanta gente in passato, sopratutto ragazzini, e molto divertente, era il Palaghiaccio, riportarlo a Milazzo nel periodo natalizio a parer mio è una vincita, perché non c’è cosa più bella e “natalizia” di pattinare sul ghiaccio con amici, magari al coperto.

Antonio
Antonio
6 mesi fa

E’ inutile che fate iniziative, all’ingresso di milazzo esiste un parco commerciale finanche con quello che serve per i bambini grande quanto il centro storico.Forse l’unica cosa che potrebbe attirare visitatori sono i chioschetti di street food.

Facciodda
Facciodda
6 mesi fa

Ma chiedo all’Assessore, cosa ha prodotto questo incontro da lui voluto e il Sindaco cosa fa? mi pare che nel corso di questa amministrazione siano stati rimossi/cambiati assessori per molto meno. Assessore i contenuti e i risultati quali sono?

bobo
bobo
6 mesi fa
Reply to  Facciodda

interessi?