L’Amministrazione comunale di Milazzo ha pubblicato un bando col quale procede alla ricognizione su tutto il territorio comunale, della disponibilità, a titolo non oneroso e pertanto in regime di volontariato, di privati cittadini, di operatori economici del settore ricettivo alberghiero, del volontariato sociale, delle Onlus ed in generale del terzo settore presenti sul territorio, all’accoglienza a carattere temporaneo di persone e/o nuclei familiari provenienti dall’Ucraina.

La macchina della solidarietà a Milazzo ha già consentito di inviare un camion pieno di viveri in Ucraina e di ospitare 20 profughi, per lo più donne, bambini e anziani con una età compresa tra i 3 e i 70 anni. La prossima settimana 3 bambini saranno accolti a scuola. Ci sono altri 46 posti letto messi a disposizione da famiglie che dispongono di locali idonei. L’assessorato comunale ai Servizi Sociali guidato da Pasquale Impellizzeri si sta attivando per organizzare una cabina di regia che coordini le varie associazioni che da un mese stanno lavorando per dare il loro contributo alla popolazione ucraina. In questo momento a svolgere un ruolo di trade union è il Rotary San Filippo del Mela ed in particolare l’imprenditore ottico Gianfranco Caruso.

L’INIZIATIVA BENEFICA DI JO STYLE. Tante aziende hanno ideato piccole iniziative per raccogliere fondi. La gelateria Sike il 19 marzo ha raccolto donazioni e, in cambio, ha regalato l’o di 2 avano , . Interessante anche l’iniziativa benefica del parrucchiere Joe Style. Per ogni prodotto per capelli venduto nei locali di Piazza San Papino saranno detratti due euro dai profitti e trasformati in buoni spesa da consegnare direttamente alle famiglie di profughi ucraini ospitati a Milazzo. I bambini profughi, invece, potranno avere un taglio gratis di capelli. Già in passato l’azienda aveva dato vita ad un’altra iniziativa solidale a favore dei paesi africani.

Subscribe
Notificami
guest
11 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Stefano
Stefano
1 anno fa

Giorni fa avete pubblicato l’entrata in possesso da parte del comune di Milazzo dei beni Magnisi consistenti in appartamenti, se non è una fake perché l’esempio non comincia a darlo proprio il comune con l’attivazione dei tanto decantati servizi sociali.

giovanni
giovanni
1 anno fa

lodevole inziativa da parte del Sindaco ma oltre alla disponibilità delle singole persone ci sono locali vedi quelli della badia appena ristrutturati vedi il convento di san papino Sig. Sindaco perché non chieda ha questi enti che vengano resi disponibili del resto se non lo fanno loro chi lo può

Onesto
Onesto
1 anno fa

Chi paga luce .gas e acqua Il comune ?

Tony
Tony
1 anno fa

la Curia dispone di tanti spazi

Marco
Marco
1 anno fa

ma a spese di chi?