L’associazione Prima il Territorio presieduta dall’Onorevole Antonio Catalfamo, capogruppo della Lega all’Ars, ha comunicato l’adesione di Carmelo Torre, già assessore comunale di Milazzo.

«A seguito dell’incontro di oggi abbiamo formalizzato un laboratorio di idee per Milazzo che mettono al centro l’impegno civico e le progettualità per creare occupazione – ha dichiarato Catalfamo».

«Abbiamo formalizzato un accordo con l’associazione Prima il territorio  – dichiara Carmelo Torre – partendo dalla dalla concertazione per portare avanti piani di sviluppo aldilà degli steccati politici e ideologici, proprio a  partire dalla autonomia dei territori bisogna creare le giuste sinergie con tutte le persone di buona volontà che vogliono il bene comune».

LO SCONTRO CON AMATA. Carmelo  Torre, dopo essersi dimesso dalla giunta Formica pochi mesi prima del voto, si era schierato con Fratelli d’Italia candidandosi al consiglio comunale a supporto dell’ex avversario Pippo Midili, volto dell’opposizione. La mancata elezione ha creato una serie di malumori in particolare tra Torre e il deputato Elvira Amata. Eloquenti i post sui social di Torre. «Prendo atto che l’onorevole Amata,( 31 consensi alle scorse regionali a Milazzo) senza interpellarmi, ha costituito il circoletto dei fratelli d’Italia a Milazzo – scrive il 13 novembre –  Inaccettabile. Dopo avermi contattato e supplicato per la composizione della lista alle recentissime amministrative ( non sapeva come fare). Tuttavia ha pensato bene di vantarsi del risultato ottenuto a Milazzo .. il suo contributo è stato quello di due candidati, uno zer   voti, l’altra 32 voti attuale presidente del circolo. Un partito si organizza con regole certe e mantenendo gli impegni presi… la deputata Amata non ha regole». Torre aderendo a Prima il Territorio si avvicina, di fatto, agli ambienti della Lega che vede a Milazzo separati in casa i consiglieri Damiano Maisano e Alessio Andaloro.

DIETRO LE QUINTE. La rottura tra Carmelo Torre e il deputato Elvira Amata si sarebbe consumato sulla mancata nomina ad assessore nella giunta Midili. Accordo che sarebbe stato raggiunto – secondo quanto sostiene Torre agli amici –  prima della composizione della lista di Fratelli d’Italia. Al suo posto è stata preferita Beatrice De Gaetano che gode del supporto in aula del consigliere Nino Italiano e del nuovo arrivato Franco Russo.

Condividi questo articolo

guest
11 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Carmelo torre
Carmelo torre
10 mesi fa

Ginnariello tu nn conosci né la destra né la sinistra..sarai strabico..mi vergogno per chi vi fa scrivere in anonimato.. comunque chiederò per iscritto al direttore di conoscere formalmente chi si cela nel nascondino…

Gennaro
Gennaro
10 mesi fa

Senza pudore. Da sinistra alla estrema destra. Questo è un caso eclatante ma a Milazzo non l’unico! Vergogna soprattutto per che gli da il voto.

Carmelo torre
Carmelo torre
10 mesi fa

Cari ipocriti nascosti arresti o micciu..purtroppo per voi io sono io voi per parlare dovete nascondervi..dunque nn meritate risposta..ora potete sbavare la vostra rabbia regressa..caro Oggi Milazzo quando scrivi devi essere più corretto..

Canguri Milazzesi
Canguri Milazzesi
10 mesi fa
Reply to  Carmelo torre

Anche se mettessi nome e cognome, non faccio politica e non piglio in giro nessuno. Resterebbe comunque il fatto che da orgoglioso DC qual eri, hai varcato il Rubicone e ti sei calato là dove covano (ex) fascisti e rinnegati di ogni sorta, in bocca a quelli i cui strali sono sempre stati rivolti al popolo di cui, tu fai parte.

Canguri Milazzesi
Canguri Milazzesi
10 mesi fa

Si parla del capostipite di tutti i canguri milazzesi: nato e cresciuto nella DC ai tempi di Cartesio, svolazzando tra i vari cespugli del centro destra è alfine approdato nella discarica dei rifiutati da ogni partito: la Lega Siciliana. Un ossimoro vivente: si sarebbe messo nella Giunta di un soggetto di cui era nemico mortale. Così come ha fatto il suo amico Nino, con nonchalance.

milazzese 1
10 mesi fa

Saltando da un banco all’altro (vergognoso), il colmo é di essersi messo in una accozzaglia di leghisti siciliani (doppia vergogna e disgusto).

Vaccariddotu da nascita
Vaccariddotu da nascita
10 mesi fa

Ma scusate, come poteva pretendere il ruolo di Assessore nella giunta Midili, se lo stesso Midili aveva precisato durante la campagna elettorale che non avrebbe nominato nessun Assessore della giunta Formica???? Cammileddu tu u sapevi.