GUARDA IL VIDEO. «Quando mi è stato chiesto dal direttivo di candidarmi sindaco ho spiegato che il Comune di Milazzo ha tanti problemi, Milazzo ha soltanto due giardinieri mentre mancano tecnici come ingegneri e architetti, la Lega sarà sempre al mio fianco per risolvere questi ostacoli, chi entra nella Lega e fa progetti nella Lega non sarà mai solo, è la squadra che fa la differenza, possiamo fare una pagina di storia di Milazzo». Ieri sera la Lega si è stretta attorno al suo candidato a sindaco Damiano Maisano. Alla presentazione ufficiale del programma e dei candidati avvenuta nell’atrio del Carmine sono intervenuti il segretario regionale, senatore Stefano Candiani, il capogruppo all’Ars Antonio Catalfamo, il vicesegretario regionale Fabio Cantarella, l’eurodeputato Francesca Donato e il commissario provinciale Matteo Francilia.

Damiano Maisano durante la sua presentazione a sindaco (FOTO OGGI MILAZZO)

A stupire tutti, però, Maisano, definito il “sindaco umile”, che partito come un diesel nel corso del suo intervento conclusivo ha esaltato il folto pubblico dell’Atrio del Carmine (a causa delle norme sul distanziamento sociale le forze dell’ordine non hanno fatto entrare un centinaio di persone rimaste fuori) incassando numerosi applausi. Un intervento pacato fatto di parole semplici. 

«Mi occuperò della Raffineria, dalla riqualificazione di Ponente. La Raffineria ci deve dire cosa vuole fare di questi lavoratori e di questo territorio, come primo punto voglio il protocollo d’intesa perché ambiente e lavoro devono camminare insieme se i privati vogliono investire». Maisano ha anche proposto la creazione di un cimitero degli animali per dare loro una degna sepoltura. Designata Antonella Bartolomeo come vicesindaco in caso di vittoria elettorale.

Damiano Maisano con i deputati e attivisti (FOTO OGGI MILAZZO)

«La Lega è fatta dalle persone e non è un artificio nato a tavolino come altri partiti – ha detto Candiani –  dare un voto a Maisano e sostenere la Lega significa dare slancio a un progetto per il rilancio dell’intero Paese, basta con il politicamente corretto, a Milazzo giochiamo una delle sfide più grosse, non c’interessa parlare male degli altri, noi vogliamo parlare delle cose che devono essere fatte nel futuro, noi vogliamo parlare delle cose che vorremmo fare per i giovani di Milazzo, a noi chi entra dentro o sta fuori la giunta o in coalizione non interessa, la Lega in Sicilia come a Milazzo non ha mai governato e vogliamo cominciare a farlo, le persone che sono sul campo le conoscete, hanno già dato dimostrazione a Milazzo di saper fare, la vera rivoluzione è fare anche cose piccole, ma fare».

Condividi questo articolo
guest
9 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
gigilatrottola
gigilatrottola
27 giorni fa

scusate potete spiegarmi cosa vuol dire “esperti” nel titolone..perchè di solito dall’esperienza derivano “capacità” provate …e reali attività, obiettivi raggiunti (non personali)..

Coscienza
Coscienza
1 mese fa

Possono chiamarmi terrone, africano, mafioso, ma quello che non non potranno mai dire è di essere stato un siciliano leghista. C’è un valore ineluttabile e imprescindibile che sta al di sopra di tutto e che si chiama ONORE, un valore del quale alcuni ne sconoscono il significato…..

Caspitina@tiscali.it
Caspitina@tiscali.it
1 mese fa

La domanda sorge spontanea. Ma avevano i maschiri ppu Covid o picchi si viggugnavunu lassissura…

Roberto
Roberto
1 mese fa

Daremo 1000 euro a ogni persona, anzi no 2000 euro. Costruiremo ponti di pilu, mari di pilu, pilu a prosperità, cazzu iu. Io mi domando come sia possibile che aoìl giorno d’oggi un siciliano possa dar 1 solo volto a chi per decenni ha detto che l’Italia finiva a Roma, per chi da decenni ha sempre detto che al sud vivono i terroni e che per mero scopo politico hanno tolto il nome Nord.

carmelo
carmelo
1 mese fa

Ogni voto dato a costoro, sarà un voto contro gli interessi dela Sicilia, chiedete a Candiani e agli “umili servi” come verrà distribuito il recovery fund, come verranno suddivisi in fondi per agli enti locali per i servizi e della famosa spesa storica di Calderoli, cosa ne sarà dell’autonomia finanziaria, cioè leggittimare le politiche di rapina attuate da 70 anni a questa parte?

milazzese 1
1 mese fa
Reply to  carmelo

Purtroppo il milazzese (grazie a Dio una minoranza) ha cacca nel cervello, non si rende conto del micidiale suicidio.