Pippo Midili rompe con la Lega e i giochi per le amministrative si riaprono: non solo la Lega potrebbe scendere in campo in solitaria con un suo candidato sindaco ma, a questo punto, risalirebbero le quotazioni di una candidatura di Lorenzo Italiano, messa in naftalina e ritirata fuori nel giro di 24 ore, con una timida ipotesi pure della riproposizione di Giovanni Formica. Con la mossa di Midili, i “sindaci” potrebbero diventare otto se si considera che hanno ufficializzato anche Giovanni Utano (5Stelle), Maurizio Munafò, Antonio Messina e Fabrizio Spinelli (Italia Viva), quest’ultimo ancora promosso da un comitato.

Situazione ben vista da tanti addetti ai lavori. Da un lato gli elettori potrebbero scegliere il proprio “sindaco” senza tapparsi il naso, grazie all’ampia scelta proposta all’elettorato. Dall’altro, tecnicamente, si eviterebbe l’ipotesi concreta di una vittoria a primo turno per lasciare margini di trattative al ballottaggio tra le varie anime.

LA ROTTURA CON LA LEGA. Il tam tam ha cominciato a farsi sempre più forte nella tarda mattinata grazie alla viva voce del candidato a sindaco Pippo Midili che avrebbe comunicato alle sue liste che la Lega non avrebbe fatto parte della coalizione. Ufficialmente non c’era mai stata ma di fatto era già dentro.

A tirare un sospiro di sollievo sono stati in tanti, a cominciare dalla lista “Fare Milazzo” pronta al trasloco per incompatibilità ideologica. Tra i sostenitori di Midili si racconta di un fiero e stoico no alla Lega che avrebbe accolto nelle ultime 24 ore ben cinque candidati che venivano dati vicino a Lorenzo Italiano, capeggiati dall’avvocato Antonella Bartolomeo. Qualcuno ha cominciato a sentire puzza di bruciato, pensando ad un “cavallo di Troia” dentro le liste. Si dice che il giorno prima avessero contattato Midili che ipotizzava di inserirli nelle sue civiche, poi, improvvisamente sono transitati nella Lega.

Damiano Maisano e Matteo Salvini

LA VICE SINDACATURA DI DAMIANO MAISANO. In realtà la rottura con il partito di Salvini sarebbe stata legata alla mancata concessione della vice sindacatura al partito di Salvini nella persona di Damiano Maisano, reo di avere fatto parte della giunta Formica. Una situazione che ha fatto crescere le quotazioni interne di Pippo Midili il quale agli occhi degli alleati si è dimostrato libero dalle imposizioni regionali e dalle pressioni dei deputati barcellonesi.

I bene informati, in realtà, raccontano di un Midili un po’ più attendista, ammettendo le difficoltà interne ed ipotizzando, per eluderle, di accogliere Maisano dopo il voto, quando i giochi erano fatti. Ma si tratta solo di indiscrezioni.

SCARAMUCCE TRA DEPUTATI. Senza la Lega non si rispetteranno gli accordi regionali ma difficilmente i vertici palermitani ci perderanno il sonno. Di avere perso strada facendo lo stimato collega barcellonese Antonio Catalfamo, capogruppo all’Ars del partito di Salvini, se ne stanno facendo una ragione anche i deputati Pino Galuzzo (Diventerà Bellissima) e Tommaso Calderone (Forza Italia) le cui scaramucce vivacizzano la politica locale dall’inizio della legislatura. 

Giovanni Formica e Lorenzo Italiano (FOTO OGGI MILAZZO)

ITALIANO SPALANCA LA PORTA ALLA CANDIDATURA. Formalmente l’appoggio della Lega, non era stata mai stato ufficializzato. Si aspettava che Lorenzo Italiano rinunciasse alla candidatura e “liberasse” la Lega che poteva seguire Forza Italia, Fratelli d’Italia e Diventerà Bellissima nella coalizione del capogruppo di opposizione che vanta otto sigle.

Italiano, invece, senza Lega e Forza Italia, pur ammettendo agli amici che la candidatura era tramontata, ha lasciato una porta aperta che all’occorrenza potrebbe essere spalancata.

«Sento il dovere di ringraziare i dirigenti della Lega per il sostegno politico oltre che personale dimostratami in questo periodo – ha scritto su social – A differenza del partito dove ho militato per 26 lunghi anni, fino alla scorsa settimana, certamente anni prima dell’adesione di deputati provenienti da altre storie politiche».

Italiano bacchetta gli onorevoli Gianfranco Miccichè e Bernadette Grasso. «Mi aspettavo dall’onorevole Grasso che almeno si ricordasse di quante battaglie politiche abbiamo fatto insieme, una su tutte la candidatura in “Grande Sud” dove ho contribuito, insieme ad altri candidati, a farle scattare il seggio. Tutto dimenticato. Bastava solo una telefonata per salvare il rapporto umano e mantenere le cose più semplici della vita, tra questi l’umiltà! Pur non conoscendo la Lega, ho ritrovato nella sua dirigenza coerenza, lealtà e difesa estrema. Oggi il mio impegno sarà accanto ai Milazzesi e a difesa della nostra città. Il nostro progetto continua».

Ancora è troppo presto per capire cosa significhi precisamente che il progetto “continua” (si parla di tre liste civiche di cui non si conoscono i simboli ma non la reale consistenza), è altrettanto vero, però, che davanti ad una parcellizzazione delle candidature per la guida di Milazzo il rientro dell’ex sindaco azzurro e della Lega potrebbe avere un senso politico e contribuire a riaprire i giochi amministrativi.

 

Condividi questo articolo
5.590 visite

guest
16 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Coscienza
Coscienza
27 giorni fa

Ma lo ha ordinato il medico che certi soggetti debbano perennemente far parte della politica mamertina? Cambiano casacca, cavalli e pupari pur di avere una sedia. Che squallore

Salvo
Salvo
26 giorni fa
Reply to  Coscienza

Soggetti che poi di bene ne hanno fatto solo a se stessi

Mandrake
Mandrake
27 giorni fa

Corri lega corri da sola, vattene da Milazzo e ricordati di portare con te maisano

Mandrake
Mandrake
27 giorni fa

Maisano vice sindaco, ma mi faccia il piacere, io mancu l’usciere ci facissi fari

Osservatore
Osservatore
27 giorni fa

Bravo Midili, mossa saggia, intelligente e giusta, solo per questo 1.000 voti in più, in bocca al lupo

Realista
Realista
27 giorni fa
Reply to  Osservatore

Ma come fá essere saggio, intelligente e giusto uno che sta mischiando cavoli e trussi pur di vincere… Lo voglio vedere quando dovrá dare il contentino a tutti !!! L’ennesimo pupo nelle mani dei pupari barcellonesi!!!

Rachele
Rachele
26 giorni fa
Reply to  Realista

Bisogna pensare al bene del territorio che ha bisogno di ingenti risorse dalla regione per risollevarsi dallo squallore in cui versa, e queste risorse passano dall’interlocuzione con gli onorevoli che governano la Sicilia.

Rachele
Rachele
26 giorni fa
Reply to  Osservatore

Ha già dimostrato di non essere un pupo riuscendo a lasciar fuori la Lega dalla coalizione nonostante le pressioni degli onorevoli.
A te che parli di pupari barcellonesi mi piacerebbe chiedere: alle regionali chi hai votato? Dato che ci troviamo a dover interagire con gli onorevoli barcellonesi perché noi milazzesi non siamo stati capaci di votare un milazzese. Quindi inutile lagnarsi di questo.

milazzese 1
27 giorni fa

Continuate imperterriti a giocare sulla pelle dei milazzesi, non sapete come organizzare le squadre per accalappiarvi più voti possibili non per un buon governo, ma per poi lasciare la città nel massimo del degrado possibile. Mi sono schifato delle solite litanie, so solo che da decenni (a parte la colpa qualche milazzese zozzo e incivile), vedo le strade di Milazzo sempre più sporche, ecc…….