MESSINA. Ci sarà anche lo chef messinese Pasquale Caliri tra le eccellenze della cucina siciliana che saranno messe in vetrina a Taormina Gourmet 2018. Con una zuppa di acciughe lo chef Pasquale Caliri ha salutato l’ inaugurazione di Taormina Gourmet 2018 tenutasi presso Eataly a Milano. Lo chef del Marina Del Nettuno di Messina, chiamato insieme ad altre eccellenze siciliane, ha proposto il suo “Alici, carbone e cozze” che già lo aveva visto protagonista alla scorsa edizione del Fundraising Dinner presso Radice Pura di Giarre.
Il piatto rappresenta il viaggio dello chef da Falcone, dove il nonno produceva acciughe in scatola a Messina, con le cozze quindi dei nostri laghi. E ancora sapori marini, tipici della sua cucina, con l’alga Mauro molto conosciuta nella Sicilia orientale.
La zuppa ottenuta da un mix di patate e verdure miscelate nei colori sino ad ottenere un magnifico colore giallo è stata servita al centinaio di ospiti intervenuti all’incontro. Ad apprezzare il patron di Eataly Oscar Farinetti ed il sindaco di Taormina Mario Bolognari.
Caliri sarà protagonista a Taormina Gourmet allo show cooking che si terrà a Villa Diodoro ii 27 ottobre alle 18,30.
Lo chef presenterà un particolarissimo show coniugandolo con l’arte contemporanea.
Il suo piatto, “Il Gambero rosso riposa nel rosso più rosso” un piatto monocolore, rosso vivo, ancora una volta con ingredienti che sposano terra e mare.
Per partecipare allo show cooking occorre prenotarsi su questo link http://www.taorminagourmet.it/shop/acquista.php
Taormina Giurmet, diventato ormai un must dell’enogastronomia italiana, è stato presentato nel tempio dei prodotti italiani Eataly alla presenza del patron Oscar Farinetti e del direttore di Cronache di Gusto Fabrizio Carrera, il giornale on line di engastronomia che organizza la manifestazione. “E’ bello che un grande evento del sud- ha detto Farinetti che il 28 ottobre sarà a Taormina a paralare di vino- venga presentato al nord. In Sicilia avete un grande vantaggio. Con quel clima vi potete permettere qualsiasi cosa. Qualsiasi prodotto d’eccellenza.”. Alla conferenza stampa di Milano erano presenti anche il sindaco di Taormina Mario Bolognari e il dirigente del dipartimento pesca della Regione siciliana Dario Cartabellotta oltre a numerosi giornalisti ed esperti del settore. “Taormina- ha detto Bolognari- ha toccato grazie anche ad eventi con il G7 record di presenze turistiche. Se ci riferiamo ai prodotti enogastronomici dobbiamo guardare anche all’entroterra. Dobbiamo aumentare la qualità dell’offerta. A ottobre c’è stato un boom di turisti”. Cartabellotta ha sottolineato come la varietà del pescato siciliano renda l’isola unica nel suo genere. Come offra agli amanti del pesce una varietà di piatti infinita. E poi alcuni numeri: 2780 i pescherecci attivi, 10.000 gli addetti, 1 miliardo di ero il fatturato del settore”. Taormina Gourmet quest’anno si svolgerà all’Hotel Villa Diodoro. Previste durante i tre giorni della kermesse masterclass con importanti produttori di vino e birra riservate a giornalisti, addetti ai lavori e al pubblico di appassionati. E poi cooking show vere e proprie lezioni di cucina con importanti protagonisti della ristorazione italiana. Sarà allestito come ogni anno un maxi banco d’assaggio: una grande degustazione dei migliori vini e birre italiani ed esteri e prodotti agroalimentari.
In programma la terza edizione del Sicilian Wine Awards, con una giuria d’eccezione presieduta da Daniele Cernilli, alias Doctor Wine.
E ancora una Cena di gala con tre chef stellati per una esperienza enogastronomica indimenticabile.
E una serata con degustazioni di pizze gourmet con cantine di birra artigianali siciliane.
L’intero programma è consultabile sul sito di Taormina Gourmet.

Condividi questo articolo
355 visite