Il sindaco Giovanni Formica

Ancora non si sa se il Comune di Milazzo si costituirà parte civile nell’eventuale processo ai vertici della Raffineria di Milazzo su cui pende una richiesta di rinvio a giudizio per reati ambientali (prima udienza il 12 ottobre). Di certo lo farà il sindaco Giovanni Formica da privato cittadino. «Se il Comune si costituirà parte civile ancora non lo posso dire perchè non ho avuto modo di confrontarmi con la giunta – sostiene ad Oggi Milazzo il primo cittadino – di certo posso anticipare che lo farò in qualità di presidente dei Dem (Democratici milazzesi) visto che risulto parte offesa in quanto promotore di denunce ambientali a tutela del territorio».

L’INTERROGAZIONE. Formica in qualche modo, così, risponde all’interrogazione presentata dai consiglieri comunali Rosario Piraino, Maria Magliarditi e Alessandro Oliva nella quale chiedono al sindaco di conoscere “quali determinazioni intende intraprendere a salvaguardia della salute pubblica e se intende costituirsi parte civile nel processo penale nei confronti della RAM”. Nel documento richiamano anche la presa di posizione del presidente della Regione Musumeci e di altri Comuni che hanno già deliberato di costituirsi parte civile. “Considerato che dalle dichiarazioni di un movimento politico (Sicilia Futura) facente parte della maggioranza dell’Amministrazione Formica, si evince chiaramente ed inconfutabilmente la volontà di non adire a tale processo, destano forti preoccupazioni sulle possibili determinazioni del Sindaco Formica, nel perdurante silenzio dello stesso e visti gli ultimi accadimenti che hanno interessato la Raffineria (fumata nera di giorno 15)».

IL RICORSO AL TAR. Le Associazioni Adasc, Tsc, Cta Arci comitato territoriale di Messina hanno depositato tramite gli avvocati Vera Giorgianni e Rosangela David intervento ad adiuvandum dinanzi al TAR di Catania a supporto del ricorso presentato dai Comuni della Valle del Mela contro il decreto rilasciato dal Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del Mare in merito al riesame dell’Autorizzazione Integrata Ambientale della Raffineria di Milazzo.

«Durante l’iter amministrativo siamo intervenuti inviando osservazioni tecniche e ottenendo anche l’intervento del Ministero della Salute –  dichiara il presidente dell’Adasc Peppe Maimone – dal nostro punto di vista il decreto presenta diverse illegittimità che sono state ben argomentate nell’atto depositato al Tribunale Amministrativo Regionale».
I sodalizi apprezzano l’iniziativa dei Comuni di Condrò, Gualtieri Sicaminò, Merì, Monforte San Giorgio, Pace del Mela, San Pier Niceto e Santa Lucia del Mela che hanno intrapreso un’azione concreta a tutela dell’ambiente e della salute pubblica.
«Anche noi abbiamo deciso di fare la nostra parte intervenendo dinanzi al TAR perché riteniamo che l’AIA deve prevedere l’applicazione delle migliori tecnologie disponibili per abbattere le emissioni di agenti inquinanti e limiti più restrittivi a tutela della salute della popolazione», conclude Maimone.

Condividi questo articolo
5.712 visite

16
Rispondi

avatar
400
10 Comment threads
6 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
11 Comment authors
PaologiulioAmedeoAntonioMambiente Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Paolo
Ospite
Paolo

Oltre che essere il garante della salute pubblica della città che amministra (male, malissimo), l’avvocato Formica dovrebbe spiegare come fa, da primo cittadino, ad aspettare il via libera della giunta (che per motivi politici e personali potrebbe votare no), e da privato, fare la denuncia! La coerenza, materia sempre più rara a Milazzo, che fine ha fatto? Se ci sono i presupposti, ci sono sempre!

Amedeo
Ospite
Amedeo

Comunque ce ne era un altro che ha fatto un comizio dopo l’ incendio e che la difendeva.Io non dimentico

AntonioM
Ospite
AntonioM

Del privato cittadino Giovanni Formica io me ne infischio!
Il Sindaco attuale deve, non solo costituirsi parte civile a nome di TUTTI i Milazzesi, ma anche revocare l’autorizzazione AIA alla RAM.
Se non lo fara’, non avra’ il mio voto alle prossime elezioni, e spero da adesso che rimanga presto un ‘privato cittadino’.

giulio
Ospite
giulio

sampei

giulio
Ospite
giulio

ma perchè si ricandida? ehhhehehe solo il suo voto prende.

ambiente
Ospite
ambiente

2) alle associazioni ambientaliste che si trincerano dietro un banale ricorso al TAR dove già i Comuni di Milazzo e San Filippo hanno trovato un accordo ,in cambio della rinunzia al ricorso stesso, per l’acquisto di 2 centraline e uno studio epidemiologico , perchè non vi costituite parte civile invece di fare “puppette”?

ambiente
Ospite
ambiente

1)ma può un sindaco nella qualità di massima autorità sanitaria locale lavarsene le mani con simili dichiarazioni? Può un sindaco dichiarare che si costituirà parte civile da cittadino di una fantomatica associazione politica? sindaco pensi di offendere l’intelligenza della gente? o pensi che tu sei il furbetto del quartiere e gli altri sono idioti ? non provi vergogna? il punto 2) proxcommento