LA LETTERA. Auto che sfrecciano all’interno dell’area demaniale che ospita il mercato settimanale del giovedì mettendo a rischio l’incolumità di famiglie a passeggio e sportivi che fanno footing. A sollevare il problema un lettore di Oggi Milazzo che racconta la sua esperienza in una lettera inviata a redazione@oggimilazzo.it

Spett.le Redazione,

mi permetto di scrivervi questa lettera per segnalare una perdurante situazione di pericolo che passa inosservata agli occhi di tutti, specialmente di coloro deputati alla salvaguardia dell’incolumità pubblica. Oggi pomeriggio intorno alle 18.00 stavo passeggiando nella zona dedicata al mercato settimanale del giovedì nel percoso compreso tra la Gobba del Cammello e il lido La Fenice. Orbene, una signora con un’auto di colore azzurro entra lato Gobba del Cammello verso il lido frecciando a tutta velocità (andava almeno a 70 chilometri all’ora) incurante della presenza di bambini, persone e del sottoscritto che, per puro caso (oserei dire miracolo) non è stato investito (sarei stato certamente travolto non so con quali conseguenze, probabilmente mortali). Situazioni del genere non sono inusuali, anzi è solito riscontrare “piloti di formula uno” che frecciano in quel percorso nella consapevolezza della totale impunità e dell’assenza di controlli. Questa lettera non vuole essere un atto di accusa nei confronti di nessuno, ma ha il solo fine di richiamare l’attenzione di coloro che hanno responsabilità nel monitorare e prendere provvedimenti affinchè non si verifichino situazioni irreparabili. Non si capisce perchè gli “incivili” che prendono questo percorso non transitano regolarmente dalla parella strada, in luogo di utilizzare “questo percorso alternativo” scorazzando in mezzo alla gente. Non si capisce perchè bambini, persone che fanno sport e che desiderano passeggiare in un’area tranquilla e libera da auto debbano subire la prepotenza di questi “incivili” che entrano con le proprie auto a correre come fosse una pista. Ritengo che questo sia un fatto gravissimo che fino ad oggi non ha determinato conseguenze irreparabili. Non credo però sia ancora il caso di sfidare la sorte…

Gentile Redazione, mi appello alla Vostra sensibilità e alla sempre attenzione che mostrate per il miglioramento civile del nostro territorio nel quale assieme alla stragande maggioranza di persone perbene ne esistono altre che pensano che con la furbizia, la prepotenza e la violazione delle regole civiche riescono a fregare tutti. Tutto ciò è inaccettabile. E’ il segno di una deriva che le Pubbliche Autorità non possono non vedere.

Per questa volta, me la sono cavata….

Cordialmente

Francesco

Condividi questo articolo
3.876 visite
guest
7 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Salvatore
Salvatore
2 anni fa

Amico lettore come te vivo a Ponente e di queste scorribande sulla seconda strada ma anche sulla principale ormai ne ha perso il conto è la speranza che cambi qualcosa.
Esisteva un semaforo proprio in concomitanza di dove è stata scattata la foto ma…non potevamo permettercelo. Cosa dire quando devi passare dal lato case verso la spiaggia ? Non esistono strisce pedonali. Buona assicurazione vita

Paolo
Paolo
2 anni fa

OGGI INTORNO ALLE 15.00 HO VISTO SFRECCIARE UN’AUTO A TUTTA VELOCITA’ NELLO SPAZIO INDICATO. PERCHE’ NESSUNO FA’ NIENTE. INTERVENITE PRESTO E’ UNA SITUAZIONE DI ORDINE PUBBLICO. URGENTE URGENTE URGENTE

alex
alex
2 anni fa

Bisogna chiudere l’entrate, e aprirle soltanto il Giovedì per il mercatino. Le auto restano fuori anche per i bagnanti.

siciliasenzasperanza
siciliasenzasperanza
2 anni fa

per fare rallentare le auto si devono mettere i dossi di gomma o in cemento. anche nella strada , non solo li

Aldo
Aldo
2 anni fa

Grazie Francesco per la tua segnalazione. Anche io che porti i miei bambini a ponente ho subito queste angherie da “incivili” come li chiami tu. Anzi sei molto educato. Questa gente andrebbe sanzionata duramente. E il demanio o chi non so chi cosa fanno per impedire questi comportamenti. Attendono che ci scappi un morto prima di provvedere?