ARTICOLO AGGIORNATO. «Apprezziamo la riapertura del dialogo tra i vertici della multinazionale Disney e la Regione Siciliana per l’interessamento dell’Assessore Gaetano Armao. Riteniamo tuttavia che, qualora saltasse l’ipotesi Termini Imerese, noi abbiamo un’area tra Milazzo e Barcellona che potrebbe essere anche migliore per la vicinanza ai porti di Milazzo e Messina». A fare la proposta è il deputato regionale di Fratelli D’Italia Antonio Catalfamo. «Stiamo tentando di riaprire il dialogo interrotto qualche anno fa», ha detto nei giorni scorsi Armao. L’ipotesi era già stata avanzata nel 2013, quando la Walt Disney avrebbe contattato la Regione con l’idea di costruire un parco divertimenti a Termini Imerese.

Catalfamo, prende la palla al balzo e ricorda di una vasta area a cavallo tra Milazzo e Barcellona in cui si ipotizzava precedentemente di realizzare un aeroporto (poi l’idea progettuale fu spostata nell’area industriale di Giammoro). «Un parco di queste dimensioni, insieme alla già avviata strategia portuale protesa all’afflusso croceristico, sarebbe un precedente anche per la Disney che potrebbe avanzare il suo primo parco divertimenti sul mare, con vista Isole Eolie, con annesse nuove attrazioni a tema. Un parco che farebbe aumentare il turismo dell’intrattenimento in una fetta di territorio già predisposta per questo tipo di sviluppo economico», argomenta il deputato barcellonese.

AGGIORNAMENTO.Il deputato Antonio Catalfamo ha chiarito in una nota che la realizzazione di una eventuale parco divertimenti non è ritenuta migliore ma complementare all’ipotesi di un aeroporto tra Milazzo e Barcellona. Ricordiamo, infatti, che l’area suggerita dal deputato, capogruppo all’Ars di Fratelli d’Italia, è “vincolata” nel Piano territoriale provinciale (PTP) della Città Metropolitana come aviosuperfice, dunque se venisse realmente realizzato il parco non ci potrebbe essere in quell’area un ipotetico aeroporto che un imprenditore indiano aveva ipotizzato, invece, a Giammoro. In ogni caso ecco il chiarimento inviato dall’ufficio stampa di Catalfamo:

«Non abbiamo parlato di parco divertimenti in sostituzione di un aeroporto. Le grandi opere sono tutte fondamentali per la crescita del nostro indotto economico. Tuttavia, in una trattativa tra pubblico e privato, avanziamo la proposta per il nostro territorio come candidato plausibile per un parco divertimenti, visto gli sbocchi sul mare dei porti di Milazzo e Messina. Prenderemo altrettanto positivamente la proposta di un privato sulla realizzazione di un aeroporto, che però non è in discussione oggi. In questa fase si dialoga tra Regione e un attore economico mondiale: la Disney, che da anni mostra interesse nella nostra Regione. Screditare questo tipo di dialogo non fa bene al nostro territorio. Se la Sicilia avrà questo parco divertimenti sarà una conquista per tutti i siciliani, di destra e di sinistra, in qualunque area geografica nascerà. Riteniamo infine, a ulteriore precisazione, che le due opere non si escludano a vicenda ma siano parte di un interessante dialogo costruttivo sul futuro del nostro territorio che ospita al suo interno diverse aree dove queste grandi strutture potrebbero coesistere».

Condividi questo articolo

guest
14 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
domenico giorgianni
domenico giorgianni
3 anni fa

auspicando che tutto si realizzi, vorrei ricordare ai parenti d’italia che palermo / termini imerese hanno già l’aeroporto, hanno già i porti ed infine su palermo è da quel tempo che attraccano le navi da crocera, quindi……

Paolo
Paolo
3 anni fa

continua…pensano a cose, inquinanti e senza un minimo sviluppo. Un fast food turistico che brucerebbe definitivamente il territorio, già malmesso dalle incapacità politiche che lo hanno caratterizzato. Mi rendo conto che ricercare idee nuove e che diano sviluppo serio nel futuro, non sia nelle corde di questo gruppo di rappresentanti politici. Sarebbe meglio, facessero altro.Tanto per cominciare

Paolo
Paolo
3 anni fa

Quando sei convinto di aver letto di tutto, i “politici milazzesi” ti sorprendono. Adesso il parco Disney (che per inciso, per dimensioni minime e sviluppo del territorio, occupandolo, dovrebbe sorgere anche sulle ceneri di Milazzo e Barcellona comprese). Siamo alla sagra delle minchiate. Invece di proporre un parco tecnologico ed un’area verde con piante esotiche, per esempio,continua…

Gaetano
Gaetano
3 anni fa

Ma smettetela di fare gli acidi , quale stato non vorrebbe un parco Disneyland è un opportunità d’oro per l’integrazione mondiale della sicilia, ovviamente spero non si faccia la ca…ta di aprirlo a messina ma che rimanga nel palermitano, basta essere cinici ben venga la disney in sicilia

Yanez de Gomeira
Yanez de Gomeira
3 anni fa

Ora il problema diventa più grosso da risolvere, dove metteremo l’aeroporto e il parco disneyland? Fatevi una lavanda di chiodini texani!