«La città di Milazzo ha le carte in regola per accogliere una grande manifestazione ciciclistica. E in tal senso è pronta ad ospitare a distanza di alcuni anni una nuova tappa del Giro d’Italia 2017 che nell’edizione del centenario tornerà in Sicilia. La “Gran fondo Nibali” è stato qualora fosse stato ancora necessario il test che ha dimostrato come questa località sia molto legata al mondo delle due ruote». A dirlo è stato il sindaco di Milazzo Giovanni Formica, accanto al campione Vincenzo Nibali che annuiva sorridendo. Una passione, quella vista in questi due giorni, che ha esaltato anche le istituzioni locali che hanno assicurato il miglior sostegno possibile ad un evento che ha coinvolto circa 500 partecipanti e un pubblico di migliaia di persone. Tanti sponsor locali a cominciare dalla famiglia Lucchesi che tramite l’Eolian Hotel ha ospitato decine di componenti dell’organizzazione oltre a Nibali e i suoi ospiti. Insomma festa doveva essere e festa è stata. E al centro dell’attenzione non poteva che esserci il campione, Vincenzo Nibali, che dopo lo sfortunato incidente di Rio è pronto a ripartire con tanto entusiasmo e con maggiore determinazione. Per lui questo evento è stato un ulteriore allenamento.

“Una grande accoglienza e gara piuttosto dura. Queste sono le mie strade e per me è stato grande onore poter lavorare con tanti amatori”. Questo il commento di Vincenzo Nibali sulla linea del traguardo, dopo aver concluso il suo allenamento con Damiano Caruso e Valerio Agnoli, alla ruota di Tommaso Elettrico e Francesco Pizzo che, nell’ordine ed in volata, hanno concluso la Granfondo internazionale Nibali –seconda edizione- sulla distanza di 145 chilometri lungo i Comuni di: Barcellona P.G., Basicò, Furnari, Francavilla di Sicilia, Malvagna, Mazzarrà Sant’Andrea, Mojo Alcantara, Montalbano Elicona, Novara di Sicilia, Roccella Valdemone, Rodì Milici, Terme Vigliatore, Tripi, ed ovviamente Milazzo.

Non è stata meno interessante la prestazione dei partecipanti alla Mediofondo sulla distanza di km 115,5, dominata da Stefano Bartolotta, dopo che lo stesso aveva viaggiato con un terzetto fino ad oltre metà gara, per andare poi in fuga fino ad avere un vantaggio di 1’30” sugli stessi ed uno ben più consistente nei confronti del plotone. Così, si è presentato in perfetta solitudine all’arrivo lasciando che fosse poi un gruppo di sette corridori a contendersi allo sprint la conquista degli altri posti da podio. Tra le donne successo di Daniela Dumitru.

L’evento ha comunque dimostrato che l’obiettivo è quello di coniugare sport, cultura e turismo, senza dimenticare il fine sociale, che nella fattispecie si identifica con il sostegno in favore dell’Associazione “Amici di Edy” per la lotta alla distrofia muscolare di Duchenne.

Questi i risultati dell’edizione 2016 della Granfondo Internazionale Nibali.

Granfondo: 1) Elettrico Tommaso “Velo Club Service Asd” in 4.25:53 alla media di km.32.720, 2) Rizzo Francesco “Asd Città di Misterbianco” s.t., 3) Ruvolo Antonino “Asd Giov. Pacese Damy” a 3’37”;

Mediofondo Uomini: 1) Bartolotta Stefano “Asd Città di Grammichele” in 3.31:25 alla media di km.32.780, 2) Auricchio Luigi “Asd The Panthers” a 4’27”, 3) Rampello Ernesto “Asd Enerplanet Racing” a 4’28”;

Mediofondo Donne: 1) Dumitru Daniela “Asd Team Bike Castiglione” in 4.12:18 alla media di km. 27.470.

Condividi questo articolo

guest
6 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio
Antonio
4 anni fa

Mi fa piacere, possiamo esserne fieri se viene accettata la candidatura,
saluti

cece
cece
4 anni fa

Gran premio della montagna sul cumulo di immondizia più alto

gennaro
gennaro
4 anni fa

che caos ieri. un’intera città ostaggio per pochi intimi.

Realista
Realista
4 anni fa
Reply to  gennaro

Veramente ho visto personalmente a Piazza Roma i vigili bloccare il traffico 50min prima che passassero le prime bici… quando non ci sono servirebbero (sabato e domenica) ma quando ci sono…. manculicani !!!! DISORGANIZZAZIONE ED INCOMPETENZA AL SERVIZIO DEI CITTADINI

gennaro
gennaro
4 anni fa

Concordo con iniziative che possano dare slancio alla nostra città. Tuttavia non ritengo corretto lasciare un’intera città ostaggio di una manifestazione. Sono stati creati notevoli disagi agli utenti.
Non si tratta di poche via chiuse al traffico, (quindi disagi tollerabili) ma di interi quartieri isolati, in orari tra l’altro centrali della giornata.

Yanez de Gomeira
Yanez de Gomeira
4 anni fa

Speriamo che il Sig. Lucchesi riesca a portare nuovamente il giro d’Italia a Milazzo, nonostante che i Milazzoti non vogliono le strade chiuse, perchè altrimenti non possono passeggiare con le auto.