Salvatore Presti e Piera Trimboli

Salvatore Presti e Piera Trimboli

Al via il Mish Mash Festival, organizzato dall’associazione culturale Mosaico, in partecipazione con l’assessorato ai Beni Culturali guidato da Salvatore Presti e del Turismo con a capo Piera Trimboli. Un evento dalla fisionomia multiforme che indagherà l’interdisciplinarietà delle forme d’arte nel contemporaneo e le metterà in scena giovedì 11 e venerdì 12 agosto alle 19 nel luogo simbolo della città: il Castello di Milazzo. L’evento, supervisionato dalla fotografa Rossella Midili,  avrà la musica sarà la protagonista ma la cornice è quel che renderà ancor più speciale l’evento. Il Festival nasce dal bisogno di trattare temi storicamente e culturalmente importanti, in una chiave fresca, innovativa e rivitalizzante: la contaminazione tra i popoli e la stratificazione culturale.

Rossella Midili

Rossella Midili

Il Mish Mash Festival permetterà così di approfondire in maniera incrociata i due temi attraverso un creativo e inusuale punto di vista. Sul palco principale, per questa prima edizione, si alterneranno giovani musicisti di richiamo regionale e nazionale. Giovedì 11 agosto si esibiranno in concerto i sognatori indie-pop Music for Eleven Instruments (Catania), gli psichedelici C+C=Maxigross (Verona) e la giovane promessa del cantautorato italiano Calcutta (Roma). Venerdì 12 agosto apriranno le danze i vincitori del premio “Best Arezzo Wave Band Sicilia 2016”, ovvero i magnetici When Due (Castelbuono), seguiranno i multi-sensoriali Celluloid Jam (Firenze), la bravissima Matilde Davoli (Lecce/Londra) e chiuderà la serata, e quindi il Festival, l’eclettico dj/producer italo-canadese Bruno Belissimo con un suo personalissimo e divertente live-set.

Ad arricchire i concerti del main stage ci penseranno il Collettivo Flock e Fabrizio Cicero con installazioni artistiche, la compagnia OltreDanza con una performance danzante, lo showcase del quartetto di batteristi GEEM Session, l’audio-video performance di Bierhoff, i dj-set di DeFe e Rycott e i visual di Aurelio Calamuneri e Giovanni Scolaro. Un melting pot di generi musicali, dimensioni artistiche e stili architettonici nello splendido scenario del Castello di Milazzo. «Volevamo trattare a modo nostro temi molto delicati e complicati utilizzando la formula festival come rinforzo positivo e strumento efficace per sensibilizzare ed esorcizzare pregiudizi e tabù – dichiara e Carmelo Allegra, presidente dell’associazione Mosaico – un momento di festa in cui elogiare il ricambio e il dinamismo geopolitico attraverso la musica e l’arte che diventano così mezzi perfetti per esprimere i valori della diversità, del rispetto, del dialogo e del confronto. Per noi c’è Mish Mash ovunque: siamo il prodotto delle esperienze che viviamo, la sintesi dei profumi, dei sapori e dei colori che ci circondano, delle culture che ci hanno preceduto. Sentivamo il bisogno di festeggiare questo stupendo concetto e sarà questo ciò che proveremo a fare al Castello di Milazzo, luogo che interpreta alla perfezione, già di suo, tutto ciò. Abbiamo lavorato al progetto per ben nove mesi e adesso non vediamo l’ora di poterlo finalmente realizzare”.

 

Condividi questo articolo
678 visite

2
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
francescoCittadino Milazzese Recent comment authors
più recente meno recente più votato
francesco
Ospite
francesco

almeno un’idea nuova..un plauso ai ragazzi che l’hanno organizzato…

Cittadino Milazzese
Ospite
Cittadino Milazzese

Presti, Trimboli e Midili, meglio che organizzate la sagra della melanzana.

Affiancare il vostro volto e curriculum ad una manifestazione così bella come quella in programma al castello, può solo danneggiare l’immagine di Milazzo e dei ragazzi che si sono impegnati per la buona riuscita dell’evento.