Ottenere dall’Agenzia del Demanio marittimo la cessione gratuita della proprietà del Faro di Capo Milazzo o in alternativa il comodato d’uso per la trasformazione dello stesso in ” Museo naturalistico con flora, fauna, fossili di Capo Milazzo, reperti etno-antropologici”.

Questa la proposta che la terza commissione intende portare al vaglio dell’Amministrazione comunale per valorizzare un bene da tempo in stato di abbandono. Il presidente della commissione, Francesco Alesci ha riunito i colleghi consiglieri lunedì prossimo alle 9 per avere la condivisione a tale proposta e avviare l’iter procedurale per accertare preliminarmente se è stato formalizzato e reso esecutivo il passaggio del Faro di Capo Milazzo da Demanio Militare a Patrimonio disponibile dello Stato e in caso contrario di avviarne l’iter per poi definire l’acquisizione gratuita così come ha fatto il Comune di Santa Marina Salina o in caso contrario accertare la possibilità di applicare, per analogia la Delibera di Toreano del Cividale per ottenerlo in comodato d’uso.

“Prima o seconda ipotesi che sia – afferma Alesci – è fondamentale sbloccare questa situazione al fine di dare una precisa destinazione al Faro di Capo Milazzo che rappresenta una potenziale meravigliosa attrattiva turistica immersa nel paradiso della punta estrema del promontorio. Il Museo annesso al Parco Naturalistico rappresenterebbe un’ ulteriore importante occasione di sviluppo turistico della città”.

Condividi questo articolo
933 visite

4
Rispondi

avatar
400
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
MauroottusienzoAntonio Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Mauro
Ospite
Mauro

Lo storico magazziniere chiede l’esito del procedimento. Perché non se ne torna a casa sua invece di rompere i “cabbasisi” qui a Milazzo…

ottusi
Ospite
ottusi

ancora una idea di “imbalsamazione” delle risorse turistiche di Milazzo.Fino a quando ci sono questi “Scienziati” la Città sprofonderà in maniera irreversibile! ma datela ai privati per finalità turistiche così come il Mulino, ll Paladiana, i locali di Molo Marullo, il Vecchio Macello e via dicendo !! siete politicamente ottusi!!!!

enzo
Ospite
enzo

in ogni parte del mondo, i fari vengono utilizzati per fini turistici, facendo hotel, b&b, ristoranti, pizzerie, etc etc………. ma purtroppo l’iter burocratico molto lungo e complicato, e i costi elevati per la manutenzione non permettono il loro utilizzo.

Antonio
Ospite
Antonio

Me se non riuscite a far funzionare l esistente, come pensate di aggiungere carne al fuoco?