L’ex assessore al Bilancio Pippo Midili si scaglia contro il funzionario Carmelo Caravello. Il ritorno del dipendente che nella scorsa legislatura lasciò Milazzo al culmine di una rottura con i vertici politici, rottura che suscitò  l’interesse della procura di Barcellona e della Guardia di Finanza si Milazzo, non piace a Midili che oggi ricopre la carica di consigliere comunale. «Oggi, il rientro in servizio part‐time del Carmelo Caravello e la sua assegnazione al servizio 1° di bilancio e programmazione finanziaria, non può non suscitare preoccupazione, essendo lo stesso Caravello individuabile come possibile responsabile di reiterati violazioni di legge e gravissime irregolarità contabili denunciati agli Organi inquirenti ordinari e contabili dai precedenti amministratori», sostiene l’attuale consigliere. Midili contesta la decisione di riassegnare al servizio Bilancio e Programmazione Finanziaria Caravello e chiede al Dirigente del 2° Settore, “di ritirare in autotutela la determinazione dirigenziale n.59 del 31.07.2015 e disporre ad altro servizio dello stesso Settore il rientro in servizio part-time del dipendente». Richiede, inoltre, al sindaco «di procedere con celerità a verificare quanto evidenziato nelle denunce e contenuto nei rilievi mossi da più organi come la Corte dei Conti, l’Assessorato regionale agli Enti Locali e l’Organo straordinario di liquidazione».

«Oggi, il rientro in servizio part‐time del Carmelo Caravello e la sua assegnazione al servizio 1° di bilancio e programmazione finanziaria, non può non suscitare preoccupazione – sostiene Midili in un documento politico – essendo lo stesso Caravello individuabile come possibile responsabile di reiterati violazioni di legge e gravissime irregolarità contabili denunciati agli Organi inquirenti ordinari e contabili dai precedenti amministratori. Tutto ciò perché il Caravello fino alla data del 7 novembre 2011 e successivamente per breve periodo del 2012 ha ricoperto prima il ruolo di Dirigente pro tempore della ragioneria e successivamente la posizione organizzativa nello stesso settore. I fatti a cui si fa riferimento ,sono stati altresì accertati sia dall’ispettore regionale dott. Turriciano, commissario straordinario per il consuntivo 2011 sia dall’Organo Straordinario di Liquidazione nella loro relazione oltre che controfirmati dal Segretario generale dell’Ente. Si consideri, solo a titolo di esempio, che il Caravello, nella qualità di responsabile del servizio, con posizione organizzativa dal 2005 e come dirigente della Ragioneria generale dall’aprile 2007 fino al 30.06.2010 e dopo la revoca delle funzioni dirigenziali, nuovamente come responsabile di Posizione organizzativa dello stesso settore, certificava i bilanci dell’ente ( 2007/2010) dai quali in fase di rendiconto 2011 sono emersi residui attivi mantenuti in bilancio, irregolarmente, per oltre 17 milioni di euro. Sarebbe oltremodo grave consentire al Caravello, nelle more dell’espletamento dei percorsi di giustizia ordinaria e contabile aperti presso la Procura della corte dei Conti e presso la Procura della repubblica di Barcellona Pozzo di gotto, di poter ricoprire il ruolo affidato», conclude Midili.

Condividi questo articolo
1.048 visite

10
Rispondi

avatar
400
8 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
9 Comment authors
GiacmoFrancomarcellomilazzeseFranco Recent comment authors
più recente meno recente più votato
marcello
Ospite
marcello

Invece … non sarebbe meglio leggere: “Via MIDILI dal Consiglio Comunale???”

milazzese
Ospite
milazzese

I fatti certi sono 2.
1) Caravello era dirigente pro tempore della ragioneria quando dai bilanci del Comune non risultavano grandi disavanzi
2) I commissari hanno accertato un disavanzo di 60 milioni di euro.
Un sindaco intelligente dovrebbe trarre delle conclusioni

Franco
Ospite
Franco

Come dice Midili il rag. Caravello è “individuabile come possibile responsabile di reiterati violazioni di legge e gravissime irregolarità contabili” ma contro di lui non esiste alcun procedimento giudiziario, mentre lo stesso Midili con tutta la giunta Pino sarebbe stato “rinviato a giudizio” per il caso dell’assunzione del dirigente Romagnolo.
Quindi da quale pulpito viene la predica !!!!

Franco
Ospite
Franco

Per potere affermare ciò bisogna essere sicuri.ci sono atti in iati in procura che ancora non sono stati esaminati dai magistrati. Attendiamo risposte certe e poi giudicheremo.

Giacmo
Ospite
Giacmo

Informarsi bene è fondamentale. Midili non ha alcun rinvio a giudizio. È stato invece prosciolto dall’accusa ( di caravello?) di abusob d’ ufficio per il rinnovo contratto precari.

Rubino
Ospite
Rubino

Ma!!! io penso che il solo fatto che l’abbia detto il prestigiatore Midili, e’ un ottimo motivo per farlo lavorare e poi…….chissa che il sig. Caravello trova qualcosa di una recente eredita’ ……..molto interessante…..

Domenico
Ospite
Domenico

Lo scandalo dello scandalo piu assoluto!! cose mai viste!! Ecco cosa fa questo Sindaco!! Subito a casa senza attendere oltre e poi al voto!