L’ex candidato a sindaco Carmelo Formica appoggia la scelta del primo cittadino Giovanni Formica che ha chiesto alla Ngi di ridurre il costo dei traghetti per le Eolie ai residenti milazzesi.  Una iniziativa, per altro, punto programmatico della coalizione “Carmelo Formica, Fai partire il cambiamento” dichiarato nei comizi e postato sul sito facebook il 12 maggio scorso con migliaia di visualizzazioni. «Un percorso gia’ avviato da circa un mese dallo scrivente con i vertici della società, nella persona di Sergio La Cava, e ufficializzato alla presenza dell’assessore regionale alle infrastrutture Pizzo nel corso di un convegno alla Sala Rotonda», spiega in un comunicato Carmelo Formica.  «Fiducioso dell’accoglienza da parte di La Cava, imprenditore il quale si e’ sempre distinto per iniziative pro-milazzo, della problematica in oggetto – conclude Carmelo Formica – questa iniziativa  puo’ rappresentare un inizio di una sinergia con gli Eoliani e comportare innumerevoli vantaggi nella panoramica di iniziative per il lancio dell’area verso nuove prospettive di potenziamento dell’immagine a livello turistico e soprattutto con ricaduta positiva sulla comunita’ milazzese».

Subscribe
Notificami
guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Antonio
Antonio
8 anni fa

Il biglietto agevolato favorendo lo spostamento dei milazzesi verso le isole aiuterebbe la loro economia con un flusso turistico maggiore. Si dovrebbe intervenire invece verso quel turismo….veicolare del weekend che intasa le nostre strade senza portare un centesimo nelle casse asfittiche dei commercianti. Una ricetta Taormina o Cefalù o capo d’orlando per capirci. Vuoi il passeggio in marina o in centro?? Lo fai a piedi….. Le tue quattro ruote e i tuoi scarichi li porti da un altra parte dove Ti consentono di intasare il traffico per il tuo giretto domenicale con nonna al seguito.

Poeta
Poeta
8 anni fa

Non sono mai entrato al castello di Milazzo , perché? Si paga il ticket , io sono milazzese… perché per andare alle isole eolie bisogna chiedere lo sconto? Andiamo a divertirci , allora paghiamo . Andiamo per conoscere le isole? Allora è uguale come il castello. Io preferisco conoscere la storia della mia città , pertanto pretendo libero accesso al castello per i milazzesi . Cosa ne pensate ? Un referendum non farebbe male.

stefano
stefano
8 anni fa

dottore ….cosa e successo??? ah gia vero da buon udc fa come d’alia ovvero salire sul carro dei vincitori… complimenti

Franco
Franco
8 anni fa

Caro Ciccio, le altre compagnie -filo-regione devono rispondere ad un bilancio regionale ed a un
Sistema di tutte le isole minori .Queste ed altre problematiche li insegnano ad i bambini delle scuole elementari per cui non posso perdere tempo a spiegartele.Intelligentemente il sindaco si e’ indirizzato alla NGI come gia’ aveva fatto l’altro Formica

Alberto
Alberto
8 anni fa
Reply to  Franco

Rivolgersi alla NGI che fa essenzialmente trasporto vetture e merci è una genialata, dato che a nessuno in regime vacanziero né in altro regime, andrebbe di viaggiare in compagnia di formaggi e carri bestiame. Con questa trovata, la compagnia in questione forse avrebbe qualche introito in più, ma anche qualche altra rogna da eliminare… Per non parlare degli entusiasti che pur di risparmiare sul biglietto si dovranno accontentare di viaggiare in terza classe, con annessi e connessi… P.S. = Certo è che “li insegnano ad i bambini” non si può né sentire né leggere. Per casi del genere è stata… Leggi il resto »

ciccio
ciccio
8 anni fa
Reply to  Franco

dove hai letto che sono contrario allo sconto della NGI? Leggi e se non capisci rileggi, impegnati e impareresti anche a scrivere meglio

enzo
enzo
8 anni fa

mi sembra giusto che noi milazzesi dobbiamo avere una tariffa agevolata per andare alle isole eolie, e non pagare come un turista qualsiasi, visto che oltre che a fare da “ponte”, tra la terraferma e le isole, sopportiamo il traffico nel porto, soprattutto d’estate.
in sardegna esiste la continuità territoriale, tra la sardegna, le isole minori e il resto dell’italia, sia in nave che in aereo.
lo stesso divrebbero farlo nello stretto di messina per tutti i siciliani e calabresi