L’amministrazione comunale di Milazzo ha scelto altre dodici nomi a cui intitolare altrettante strade cittadine. Si tratta dei milazzesi Giuseppe Tusa, il militare morto nel crollo di una palazzina nel porto di Genova; Anna Cambria, la ragazzina uccisa per sbaglio nel corso di un attentato mafioso a San Papino negli anni 90; l’imprenditore Attilio Liga; padre Innocenzo Di Garbo, sacerdote che per decenni ha vissuto al convento dell’Immacolata al Borgo; l’uomo di sport Nino Romano; Graziella Campagna, giovane uccisa dalla mafia a Saponara; le giornaliste uccise in zone di guerra Ilaria Alpi e Maria Grazia Cutuli; Rita Atria, testimone di giustizia, morta suicida il 26 luglio 1992, una settimana dopo la strage di via D’AmelioEmanuela Loi, un’agente di Polizia italiana, morta nella Strage di via D’Amelio; l’attrice catanese Goliarda Sapienza; la matematica della Grecia antica Ipàzia;  la cantante Rosa Balistreri.

AGGIORNAMENTO. QUESTO IL COMUNICATO UFFICIALE DEL COMUNE.

Le cerimonie si svolgeranno in due distinti momenti: martedì 6 aprile  con la intitolazione ad Anna Cambria, la ragazzina uccisa per sbaglio nel corso di un attentato mafioso a San Papino negli anni 90. A lei sarà intitolato il tratto di strada di via generale Del Buono, da via Bertani che verso sud si snoda tra le vie Risorgimento e la XX Settembre; a Graziella Campagna, giovane uccisa dalla mafia a Saponara (via Tommaso De Gregorio, vico I), alle giornaliste uccise in zone di guerra Ilaria Alpi e Maria Grazia Cutuli (via De Gregorio, vico II e III); a Rita Atria, testimone di giustizia, morta suicida il 26 luglio 1992, una settimana dopo la strage di via D’Amelio (via De Gregorio, vico IV), ad Emanuela Loi, agente di Polizia italiana, morta nella Strage di via D’Amelio (via De Gregorio, vico V); alla scrittrice catanese Goliarda Sapienza (via Tre Monti, vico I), alla matematica e filosofa della Grecia antica Ipàzia (via Tre Monti, vico II); alla cantante Rosa Balistreri (via Santa Marina, vico I).

Venerdì 10 aprile invece toccherà agli uomini. Si tratta dei milazzesi Giuseppe Tusa, il militare morto nel crollo di una palazzina nel porto di Genova il 7 maggio 2013 cui sarà intitolata l’intersezione compresa fra lo svincolo di San Giovanni dell’asse viario e la via Maio Mariano; Attilio Liga, imprenditore che a Milazzo fece conoscere il cinema con l’apertura prima del Trifiletti e poi dell’attuale sala di via Medici che porta il suo nome (l’intitolazione riguarderà l’attuale vico Spina); padre Innocenzo Di Garbo, sacerdote che per decenni ha vissuto al convento dell’Immacolata al Borgo, figura esemplare nella vita quotidiana dei milazzesi cui sapeva sempre tendere una mano nei momenti di bisogno (via Cipro) ed infine l’uomo di sport Nino Romano (via San Paolino, vico I), ricordato per il suo impegno nello sport (fu detentore del record regionale di salto triplo) e morto tragicamente nel corso di un incontro di calcio, quando, indossando la maglia del Milazzo, per salvare un goal finì violentemente con la testa contro il palo della porta. Alla cerimonia, oltre ai familiari dei personaggi interessati, parteciperanno anche la responsabile di “Posto occupato”, Maria Andaloro e la presidente regionale della toponomastica femminile, Pina Arena.

Secondo gli assessori Dario Russo e Stefania Scolaro l’intitolazione «permetterà di risolvere concretamente una serie di criticità che derivavano dal fatto che le strade in questione, soprattutto al Ciantro, non avevano una denominazione rendendo difficoltosi anche gli interventi di protezione civile o di soccorso».

Condividi questo articolo

guest
6 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
dubbioso
5 anni fa

Potrei capire se si intitolassero nuove strade in via di costruzione con questi o altri nomi, ma cambiare i nomi alle vie cittadine mi sembra stupido, assurdo e senza senso, visto che si creano infiniti disagi ai residenti che per sostituire documenti di identità, patenti, libretti automobilistici, assicurazioni,certificati catastali,sono costretti a sborsare fior di quattrini,per non parlare di aggiornare i recapiti di fatture dei servizi elettrici,telefonici,gas , postali,bancari e chi più ne ha più ne metta.Già ne abbiamo abbastanza delle variazioni che ci siamo sorbiti quando hanno cambiato i numeri civici(personalmente,nel corso degli anni,la mia stessa casa ha cambiato quattro… Leggi il resto »

Gianni
Gianni
5 anni fa

MI fa piacere, sono tutti nomi degni del ricordo di ognuno di noi. E ce ne sarebbero tanti altri. Ma va bene così.

leone
leone
5 anni fa

Vergognoso. Solo per queste iniziative in piena campagna elettorale (che sensibili), l’attuale governo di Milazzo, non avrà il mio voto!

filippo buonarroti
filippo buonarroti
5 anni fa

Sono contento. Devo dire che finora Carmelo Pino si era distinto per la toponomastica preunitaria tipo i Giardini Regina Margherita in Via Bevaceto o la strada intitolata al generale borbonico. Almeno così si avvicina un po’ al mondo reale….

roberto
roberto
5 anni fa

Continuate sempre a menzionare la piana sempre in senso dispreggiativo, come se la ci stanno animali. Ebbene è giusto che voi sappiate che nella piano ci stanno coloro che tengono in piedi questa cittadina allo sfascio.
Poi se vogliono intitolare una via anche alla piana i residenti sarebbero ben contenti. Quelli della piana pero’……