Il comune di Santa Lucia del Mela lancia una battaglia giudiziaria contro la Raffineria di Milazzo. L’amministrazione comunale ha dato mandato all’avvocato Pietro Carrozza poichè «è intendimento di questa Amministrazione valutare attentamente la possibilità di proporre ogni azione giudiziaria necessaria, al fine di tutelare il territorio e l’incolumità pubblica, nei confronti di tutte le industrie e/o soggetti a rischio di incidente rilevante o di ogni altro opificio che possa mettere a repentaglio la pubblica incolumità e nella fattispecie, a seguito delle recenti criticità emerse, nei confronti degli impianti della Raffineria di Milazzo». L’amministrazione guidata dal sindaco Nino Campo – secondo quanto anticipato dal primo citadino –  presenterà una denuncia chiedendo il risarcimento dei danni di immagine ambientali che la comunità avrebbe subito a causa dell’incendio del 27 settembre ma intende costituirsi anche parte civile nell’eventuale processo contro l’azienda sull’incendio del serbatoio dello scorso settembre. E’ stato avviato un procedimento penale da parte della Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto in cui si prende in considerazione il danno arrecato nelle zone limitrofe dall’incidente. «L’incendio dell’intero serbatoio contenente virgin nafta alla Raffineria Mediterranea di Milazzo – si legge nella delibera – è stato limitato all’area interna all’impianto ma la comunicazione e gli effetti ambientali hanno coinvolto invece l’area esterna e migliaia di cittadini che a tutt’oggi non hanno avuto risposte adeguate e univoche».

Condividi questo articolo
802 visite
guest
2 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
biagio
biagio
5 anni fa

era ora

Francesco
Francesco
5 anni fa

Questo lo dovrebbero fare anche i sindaci dei comuni di Milazzo, San Filippo del Mela ecc.. Ma gli interessi politici sotto elezioni sono molto alti e quindi non faranno un bel niente !!! … spero vivamente che questi sindaci avviino CONCRETAMENTE (e non come hanno fatto finora – cioè NIENTE) tutte le necessarie misure che garantiscano il bene di tutte le persone che vivono nell’hinterland e soprattutto dei lavoratori della stessa raffineria, affinchè la raffineria venga messa VERAMENTE in sicurezza!!