«Non cerco  colpevoli, ma non posso accettare che l’Amministrazione e gli uffici comunali finiscano nel tritacarne delle polemiche per criticità che si trascinano da decenni e che nessuno ha mai risolto».

Il sindaco  Pippo Midili a proposito degli allagamenti che si sono registrati in città e che come avviene in queste occasioni, hanno aperto un fronte di protesta, non ha intenzione, almeno per il momento di replicare, ma intende avere un quadro della situazione chiaro, partendo però dalle origini del problema che da sempre attanaglia la città del Capo. 

Proprio per questo, dopo aver chiesto il monitoraggio già nella giornata di lunedì, questa mattina ha incontrato dirigenti e funzionari comunali  del settore Territorio ed Ambiente e servizio idrico per fare il punto della situazione e capire se le criticità emerse possano essere affrontate nell’immediato, in attesa dell’intervento più a medio – lungo termine, legato al finanziamento del progetto, presentato ormai da tre anni, relativo al nuovo sistema di convogliamento delle acque della Piana di Milazzo.

Dal confronto con i tecnici è emerso che i punti di maggiore criticità sono Santa Marina, via Feliciata e via Orgaz, mentre nella riviera di Levante il consueta problema di è registrato in via  Tonnara che si è allagata per l’ennesima volta. Qui è stato verificato che  in alcuni punti dove sono state realizzate opere murarie le condotte mancano e altre sono invece  ostruite.

Un’altra questione  – secondo quanto riferito dai tecnici di palazzo dell’Aquila – legata alla Piana è l’eccessivo convogliamento di acque bianche nella rete fognaria. In buona sostanza la periferia paga l’eccessiva urbanizzazione nel tempo alla quale non è seguita un adeguato potenziamento dei sottoservizi.

«Ma è inutile muovere contestazioni – ha detto Midili – e poi vivere sempre lo stesso problema quando si registrano piogge intense come quelle di domenica quando sono venuti giù circa 100 mm di acqua. Per questo ho chiesto agli uffici di attivarsi subito con alcune azioni. Innanzitutto sarà potenziato il monitoraggio di tutti gli scarichi, inoltre sarà operata la verifica dei vivai presenti nelle varie frazioni per capire come al loro interno avviene lo smaltimento delle acque.  Inoltre coinvolgeremo gli uffici delle  Ferrovie per intimare entro 15 giorni di operare l’intervento di pulizia dei canaloni che abbiamo verificato erano ostruiti e lo stesso discorso sarà fatto con l’Autorità portuale, con la quale abbiamo lo scorso anno sottoscritto un protocollo che prevede un intervento sul sistema di smaltimento delle acque meteoriche che interessano il tratto compreso tra il piazzale Pizzoli e il molo Marullo, al fine di superare le criticità allo smaltimento delle acque piovane, determinate dalla realizzazione nei decenni passati delle infrastrutturazioni relative al porto. Interventi che solleciteremo all’Autorità di sistema»

Subscribe
Notificami
guest
3 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Vincenzo
Vincenzo
2 mesi fa

Infine le ricordo che Milazzo non parte da dopo il vecchio passaggio a livello, che esiste anche una periferia che manca di opere fondamentali e funzionali…non prenda esempio da chi la preceduta,anche se gira e rigira al consiglio comunale ci sono sempre le stesse persone o affiliati…Buon lavoro

Vincenzo
Vincenzo
2 mesi fa

…Allo stesso modo, non sono stati adeguati o modernizzati tutte quelle opere di urbanizzazione necessari ad accogliere tutti i cambiamenti del territorio.
Mi auguro che con Lei si dia inizio alla riqualificazione del territorio, da monte versovalle, coinvolgendo i comuni circostanti…

Vincenzo
Vincenzo
2 mesi fa

Caro sig. Sindaco, il problema è che Milazzo non è cresciuta bene…
Il territorio è cambiato moltissimo, speculazione edile e opere private negli ultimi cinquant’anni lo hanno cambiato in modo netto e deciso….