Massimo Martino, milazzese di 46 anni, è stato assolto dal reato di evasione dagli arresti domiciliari. Difeso dall’avvocato Gaetano Pino, secondo l’accusa si era allontanato arbitrariamente dal proprio domicilio in assenza di autorizzazione del giudice ed in palese violazione degli obblighi imposti dall’Autorità. Era stato scoperto dagli agenti del commissariato di Milazzo intervenuti in una abitazione limitrofa a quella dell’imputato a seguito di una segnalazione per lite familiare in corso. Sul posto nell’immediatezza era stato identificato e ritenuto responsabile e del reato di evasione. Nel corso del dibattimento il difensore ha dimostrato che l’imputato era eventualmente intervenuto nell’abitazione adiacente soltanto per difendere la giovane donna dall’aggressionedel suo compagno e ciò solo per evitare conseguenze peggiori. Il giudice ha ritenuto fondata la tesi difensiva ed accogliendo la richiesta ha assolto l’imputato perché il fatto non sussiste.

Condividi questo articolo