In attesa di un incontro con i vertici dell’assessorato regionale alle Infrastrutture promosso dal deputato regionale Pino Galluzzo, Liberty Lines è intervenuta con una nota per precisare la posizione dell’azienda sulla polemica scoppiata in relazione alle agevolazioni tariffarie che Liberty Lines volontariamente riconosce ai passeggeri dei propri mezzi veloci. Nei giorni scorsi i pendolari che da Milazzo si recano quotidianamente nell’arcipelago a bordo degli aliscafi (per lo più docenti e personale medico) avevano contestato l’aumento delle tariffe in quanto gli sconti previste dalle Liberty Card erano stati ridimensionati con l’introduzione dalle meno vantaggiose Liberty Express.

«Il nuovo sistema di tariffazione agevolata Liberty Express – illustrato in maniera fuorviante da più parti, ma esaurientemente illustrato sul sito Internet aziendale – è frutto di legittime decisioni  assunte nel totale rispetto delle previsioni contrattuali» precisa l’azienda che sottolinea di operare «secondo regole di mercato, in un contesto regolatorio eurounitario secondo le norme dei contratti di servizio che esegue».

L’azienda ammette di stare subendo le gravi conseguenze dell’emergenza sanitaria tuttora in corso.ma precisa di garantire «la sicurezza dei propri dipendenti, dei passeggeri e dei terzi, nel rispetto delle prerogative e degli interessi di coloro con i quali entra in relazione e secondo le direttive e le indicazioni delle autorità amministrative».

Sulla polemica Liberty Lines «comprende perfettamente le legittime esigenze ed aspettative delle comunità dei territori in cui opera, in favore dei quali ha peraltro predisposto piani tariffari compresi all’interno del nuovo sistema Liberty Express, ma non intende tollerare attacchi dal contenuto non veritiero che ne ledano l’immagine e tutelerà le proprie ragioni nelle sedi di legge, se necessario. E’ utile infine ricordare che, contrariamente a quanto da molti pubblicato, le Liberty Card ancora in circolazione (circa 11 mila), continueranno ad essere valide fino alla loro data di scadenza: semplicemente non potranno essere rinnovate e non ne verranno emesse di nuove».

«La compagnia – conclude la nota – continuerà a servire tutti i territori con piena coscienza dell’importanza del proprio ruolo, proseguendo nei rapporti di fattiva collaborazione con tutte le autorità locali, con le quali il dialogo, franco e trasparente, è costante».

Condividi questo articolo

guest
3 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Gennaro
Gennaro
12 giorni fa

Il sindaco non potrebbe partecipare a Palermo, per portare le istanze dei cittadini milazzesi che subiscono “il parcheggio selvaggio” da parte dei flussi dei viaggiatori verso le isole e ottenere delle tariffe agevolate chiedendo di equiparare i milazzesi ai residenti delle eolie?????

Nele
Nele
12 giorni fa

Ma questi pendolari,per la maggior parte insegnanti,quindi con stipendio assicurato nonostante in questo periodo ci sia gente che non riesce più a mangiare, non si vergogna a protestare x pochi soldi in più che servono a tenere in servizio il personale della navigazione? VERGOGNA!!!!!!!!

Un Prof.
Un Prof.
12 giorni fa
Reply to  Nele

Vergogna???
Vorrei vedere te, con uno stipendio assicurato, a dover spendere quasi l’80% in più al giorno per dover andare a lavorare, a volte con mezzi obsoleti, a volte col mare in tempesta, e di conseguenza, a volte a dover rimanere sull’isola, naturalmente sempre a tue spese!!!
Si si vorrei vedere proprio te!!!