Il ministro Sergio Costa oggi, domenica 10 novembre, sarà a San Filippo del Mela, per una visita in una dei comprensori industriali più caldi della Sicilia. Il ministro visiterà prima l’area bonificata  della discarica di Sant’Agata, a Cattafi, poi, alle 16,30 al palazzo vecchio del municipio si terrà un incontro pubblico con la cittadinanza e l’amministrazione guidata dal sindaco Gianni Pino. Di certo si discuterà anche della zona industriale di Milazzo e della rivisitazione delle Aia (autorizzazioni integrate ambientali) della Raffineria di Milazzo e della centrale A2a.

Il ministro si trova in Sicilia per firmare l’accordo di programma per l’adozione di misure per il miglioramento della qualità dell’aria in Sicilia che sarà sottoscritto domani, lunedì 11 novembre, alle ore 10 al PalaRegione di Catania, in tandem con il governatore Nello Musumeci.

Sarà presente anche Toto Cordaro, assessore regionale del Territorio e dell’ambiente, i cui uffici hanno elaborato un programma di mobilità sostenibile “casa-lavoro/scuola” destinato ai dipendenti di tutte le amministrazioni pubbliche dell’Isola e che favorirà l’utilizzo di mezzi elettrici o ibridi.

Alla visita di domani prenderà parte anche la deputazione del Movimento 5 Stelle tra cui la senatrice Barbara Floridia. «Grazie al Ministro Costa – dice –  ad oggi nella Valle del Mela abbiamo riaperto l’AIA della Raffineria, in Consiglio dei Ministri, bocciato la costruzione del termovalorizzatore che volevano costruire nella Valle del Mela. Inoltre ci siamo costituiti parte civile in uno dei processi contro la Raffineria, fatto partire l’area marina protetta di Milazzo e messo in sicurezza la discarica di San Filippo del Mela».

Condividi questo articolo
1.964 visite

2
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
TeocritoTunisi Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Teocrito
Ospite
Teocrito

Con 4 milioni di euro suddivisi tra le maggiori città siciliane, quindi diciamo 1 milione per città, cosa si aspettano possa cambiare con questa elemosina? Finiranno in qualche appalto inutile dato a qualche azienda vicina a qualche politico…. tanto per cambiate.

Tunisi
Ospite
Tunisi

Ma la senatrice Floridia molto vicina al ministro Costa,perché’ non prende posizione sulle difficolta’dei dipendenti della duferdofin e sulla mancanza di lavoro per i nostri giovani o questi argomenti non Le interessano.