Il suggestivo l’altare è ricavato dal modello di una imbarcazione. Le immaginette sono multilingue. A corredo la statua di San Francesco, patrono della gente di mare, e un quadro con le immagini dei milazzesi che hanno perso la vita in mare o al mare l’avevano dedicata.

 La “Stella Maris”, accanto alla propria sede, sita sul molo Marullo, avrà una cappella per consentire ai marittimi che si trovano sulle petroliere o sulle navi mercantili e sbarcano giornalmente nel porto mamertino di avere un luogo di culto. Un desiderio che Matteo Di Flavia, responsabile della “Stella Maris” di Milazzo, si portava dietro da tempo finalmente si realizza.

È stato il vescovo dell’arcidiocesi di Messina, mons. Cesare Di Pietro, a procedere all’inaugurazione alla presenza del commissario dell’Autorità portuale, Antonino De Simone, del sindaco Giovanni Formica, del comandante della Capitaneria di porto Francesco Terranova e delle principali autorità.
 «Da tempo auspicavano di poter mettere questo spazio a disposizione di chi sosta nella nostra città – ha detto Di Flavia – e ringrazio l’Autorità portuale e tutto il comitato Welfare del porto». 

Mons. Di Pietro Inaugura la Cappella del Marinaio

Condividi questo articolo
1.003 visite

3
Rispondi

avatar
400
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
PolifemoJohn PergolizziCittadino attento Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Polifemo
Ospite
Polifemo

Invece di inaugurare la cappella, bisogna pulire il degrado del porto, specialmente dove attaccano le navi in città. Pieno di topi e la preoccupazione maggiore sta nel l’imbarco dell’acqua che le navi effettuano. Nemmeno il terzo mondo ha un allaccio simile per fare rifornimento acqua.

John Pergolizzi
Ospite
John Pergolizzi

Bravo cugino!

Cittadino attento
Ospite
Cittadino attento

Bella iniziativa, complimenti zig. Di Flavia.