Carmelo Torre

Le proposte avanzate dal Comune di Milazzo per l’inserimento delle proprie aree nella Zes (Zone economiche speciali) sono state tutte accolte.

La zona individuata come Zes dall’Amministrazione mamertina ha una superficie di 450.000 metri quadrati ed è posta a ridosso dell’area portuale di Milazzo e delle aree Asi-Agglomerato Monforte-Barcellona. La zona produttiva che rientra nel vigente Prg è costituita da tre tipologie diverse di aree: DE (destinata a insediamenti produttivi, movimentazione e commercializzazione dei prodotti agricoli e industriali); Area D2 (destinata alle industrie) e DE2 (destinata a servizi ed attrezzature del porto commerciale). Ad oggi in queste zone sono presenti attività commerciali, industriali, artigianali e alberghiere. Presenti, invece, nell’area limitrofa all’ex stazione ferroviaria gli edifici dell’ex Montecatini e dello scalo ferroviario.

le zone zes di Milazzo

Stamattina l’assessore allo Sviluppo economico Carmelo Torre  ha partecipato oggi all’incontro di presentazione dello schema del Piano di sviluppo strategico tenutosi a  Palermo a Palazzo d’Orleans.

Il Comune di Milazzo è riuscito a rientrare nella proposta prevista dal “Decreto Sud” che prevede l’istituzione di Zone economiche speciali, ovvero aree territoriali del Mezzogiorno destinate ad avere agevolazioni e facilitazioni fiscali e burocratiche, con lo scopo di attrarre investitori stranieri interessati a capitalizzare profitti in queste aree”.

Secondo l’assessore Carmelo Torre tutta l’area non caratterizzata dalla presenza di abitazioni, che comprende via Acqueviole, via Tonnara, una parte di via Ciantro e via Gramsci, porterebbe, al servizio della portualità, tanti vantaggi a livello economico.

Condividi questo articolo
1.189 visite