Blocco degli impianti ad olio combustibile per favorire quelli a gas, impianto per il recupero della plastica, potenziamento del fotovoltaico e un impianto in grado di trasformare la frazione organica dei rifiuti (Forsu) derivante dalla raccolta differenziata in biometano. Oggi al Comune di San Filippo si è tenuto un incontro tra i sindaci di San Filippo del Mela, Milazzo e Barcellona e la società A2A Energiefuture. 

A richiederlo è stato il sindaco Gianni Pino, che aveva, in sede di riesame AIA, sollecitato l’azienda a presentare un piano che superi la produzione di energia elettrica da olio combustibile, sia compatibile con le reali necessità del territorio e che coniughi sostenibilità ambientale e continuità industriale del sito produttivo, nel rispetto di quanto prescritto nel Piano Paesistico.

A2A Energiefuture ha accolto l’invito delle Amministrazioni e illustrato una proposta industriale basata su tre capisaldi: transizione energetica (ciclo combinato a gas con contestuale fermata di tutti i gruppi ad olio combustibile e compensatori sincroni per servizi alla rete elettrica), in coerenza con quanto previsto da Piano Nazionale di decarbonizzazione entro il 2025 già approvato dal Governo; Economia circolare (impianto FORSU – già in iter autorizzativo – e impianto per il recupero della plastica a valle della raccolta differenziata); Fonti rinnovabili (fotovoltaico e storage elettrochimico).
L’implementazione della proposta industriale che prevede un importante investimento economico garantirebbe inoltre gli attuali livelli occupazionali.
I sindaci si sono dichiarati favorevoli all’idea progettuale, riservandosi di fornire spunti più di dettaglio una volta che saranno avviati gli iter autorizzativi dei vari progetti costituenti la proposta.
Quanto illustrato dall’Azienda sarebbe inoltre coerente con un Piano di Gestione della Crisi Complessa dell’area, già oggetto di confronto in altre sedi istituzionali.
A2A Energiefuture ha confermato la disponibilità a partecipare ad eventuali incontri pubblici per illustrare i dettagli delle proposte per il nuovo Polo Energetico Integrato ed a programmare una visita delle Amministrazioni presso impianti similari volta a far toccare con mano il reale funzionamento delle strutture, delle tecnologie e meglio comprendere i reali impatti.

Condividi questo articolo

guest
4 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
massimo
massimo
2 anni fa

Ma perche’ quando sento parlare di A2A mi viene il prurito? Orticaria da diffidenza o da…

davide fidone
davide fidone
2 anni fa

Certo bella idea, intanto A2A si è rimangiata il progetto del solare termodinamico, ha un ricorso pendente al Tar Lazio perché pretende ancora di fare il mega-inceneritore ed in atto c’è il riesame dell’AIA che rinnoverà l’autorizzazione dei gruppi ad olio combustibile per altri 12 anni.

Osvaldo
Osvaldo
2 anni fa
Reply to  davide fidone

La ciminiera “grande” credo sia ancora in uso, puoi essere più chiaro?

Dom
Dom
2 anni fa
Reply to  Osvaldo

Ciao Davide inizia a non usare più l’auto la benzina si produce in raffineria, non usare il pc perché quella che lo alimenta si produce in centrale,usa la candela per illuminare la tua casa,per caricare il cellulare e per soddisfare tutti i tuoi vizzi, frigo ,forno ecc ecc quando tu farai tutte queste cose io sarò il primo a sostenerti , dimenticavo ma vai a lavorare prima di sparare minchiate