Enzo Colavecchio

SAN FILIPPO DEL MELA. Il medico pacese Lino Andaloro, esperto in problematiche della salute dipendenti da inquinamento ambientale, già membro del Comitato Scientifico dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e una delle bandiere messinesi di Legambiente, Enzo Colavecchio sono stati nominati esperti gratuiti del Comune di San Filippo del Mela in materia Ambientale. I due professionisti coadiuveranno il commissario straordinario del Comune, l’ingegnere Alfredo Biancuzzo, a districarsi nel complesso iter del procedimento di Via del termovalorizzatore che A2A – Energie Future vorrebbe costruire all’interno della centrale di Sna Filippo del Mela.

A destra Lino Andaloro

«Le problematiche ambientali che riguardano il territorio comunale sono di particolare rilievo, come per altro testimoniato dal fatto che il comprensorio di cui il comune fa parte è stato dichiarato “Area ad Elevato rischio di Crisi Ambientale” – si legge nelle delibere  – L’assunzione di decisioni in relazione alle complesse problematiche riguardanti il teritorio, richiede il suporto di conoscenze ed esperienze specialistiche in materia tecnico – ambientale con particolare riferimento alle procedure partecipative in materia di impatto ambientali per cui appare necessario avvalersi di un esperto della materia». IL riferimento, nello specifico, si rende necessario anche ai fini «delle adozioni di tutte le necessarie iniziative da intraprendere per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente e del territorio di San Filippo del Mela nell’ambito del procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale (Procedimentocongiunto VIA-AIA) relativo al progetto della Centrale Termoelettrica di San Filippo del Mela–proponente A2A».

Condividi questo articolo
1.321 visite

6
Rispondi

avatar
400
2 Comment threads
4 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
pippoAntoniomassimoIl popoloAvanti A2A Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Il popolo
Ospite
Il popolo

Ci vuole gente che pensi per il bene del territorio oppure che chi costruisce ed e azzionista abbi una casa sotto il termovalorizzatore

Avanti A2A
Ospite
Avanti A2A

Va bene gli esperti… ma che facciano davvero il proprio lavoro e non che creino solo ostruzionismo alla realizzazione di quest’opera così importante è così urgente per questo territorio che è uno dei pochi ormai in Europa, forse l’unico, a non avere impianti di questo tipo. A2A possiede impianti di questo tipo perfettamente funzionanti ed efficienti nel nord Italia!!!

massimo
Ospite
massimo

ne siamo certi. peccato che gli impianti siano sovradimensionati e funzionino solo al 40%. Qui l’affare di a2a è fare l’impianto. delle conseguenze non importa agli azionisti. non vivono qui

massimo
Ospite
massimo

Spenderebbero meno e con ottimizzazione di impianti a prendere il CSS e incenerirlo a casa propria. Non abbiamo voglia di nuovi portatori di progresso, di questo progresso

pippo
Ospite

scusa massimo ma non hai risposto ad antonio, ho la sensazione che parli per ipotesi tutte tue seguita da slogan.
Mi interesserebbe una risposta chiara e concreta.

Antonio
Ospite
Antonio

Caro Massimo, sulla base di quale fonte lei dice che i termovalorizzatore di A2A funzionano solo al 40%?