Nel week end gli uomini della Guardia Costiera di Milazzo hanno salvato dodici persone che viaggiano in due imbacazioni da diporto nel mare di Milazzo. Le due richieste di aiuto, giunte alla sala operativa della Guardia Costiera sabato e domenica scorsi provenivano da natanti rispettivamente di circa 8 e 6 metri di lunghezza, alla deriva al traverso de Capo.

Il primo natante, con 5 persone, ha segnalato di avere avuto una avaria all’impianto elettrico, pertanto, non avendo più la possibilità di governare, l’unità si trovava alla deriva. La situazione è apparsa subito critica, anche per la presenza a bordo di tre bambini. La Guardia Costiera ha immediatamente disposto l’intervento della motovedetta CP 544 prendendo a bordo le persone e conducendo l’unità in sicurezza al primo porticciolo utile.

Ieri, domenica 23 luglio, invece, un natante di circa 6 metri con 7 persone a bordo ha segnalato, tramite il numero Blu – 1530, numero di emergenza del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera, una avaria al motore, che rendeva l’unità priva di controllo ed in balia delle correnti, alla deriva, al traverso di Capo Milazzo. Il tempestivo intervento della M/V CP 875, anche in questo caso, ha permesso di portare in salvo tutte le persone presenti a bordo e a mettere in sicurezza il natante al primo porticciolo disponibile.

Non sono mancate le attività di controllo e vigilanza sul rispetto delle prescrizioni di sicurezza contenute nell’ordinanza balneare, in questo caso il personale del gommone della Guardia Costiera di Milazzo, GC A64, ha elevato due sanzioni amministrative a carico dei conduttori di una moto d’acqua e di un natante per avere navigato sotto costa, all’interno dell’area destinata esclusivamente alla balneazione.

La Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Milazzo ricorda che il Numero Blu 1530 d’emergenza in mare è un servizio gratuito attivo 24 ore su 24 ed utilizzabile da rete fissa o mobile, e la comunicazione è ricevuta dall’Autorità Marittima presente sul territorio.

«E’ preciso dovere del conduttore di ogni unità da diporto – scrive la capitaneria in una nota stampa – prima di intraprendere la navigazione, verificare l’efficienza della propria unità, di avere carburante sufficiente per la navigazione che si intende effettuare, verificare che le dotazioni di sicurezza siano idonee e perfettamente efficienti, ed inoltre tenersi costantemente informati sulle condizioni meteo marine prestando attenzione agli avvisi ed ai comunicati diffusi dalla Guardia Costiera attraverso i mezzi di comunicazione».

Condividi questo articolo
914 visite