Una rete sociale può garantire una migliore gestione dei beni comunali. L’idea espressa nella mozione del consigliere Massimo Bagli presentata al Presidente Gianfranco Nastasi, potrebbe essere discussa già nel prossimo Consiglio Comunale. La proposta di Bagli prevede la stesura di un regolamento «al fine di consentire ai cittadini di svolgere interventi di cura, gestione condivisa e rigenerazione dei beni comuni urbani come singoli o attraverso le formazioni sociali ….stabilmente organizzate o meno». Fa riferimento a potenziali interventi di pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di parchi, piazze, strade, fontane e monumenti ed in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano e saranno concordati con l’Amministrazione comunale.

Condividi questo articolo