Milazzo è una città di Mafia? A chiederselo è il consigliere Pippo Midili che, nei giorni scorsi, durante una seduta consiliare, ha chiesto un consiglio straordinario alla presenza del sindaco Giovanni Formica. A preoccupare l’esponente dell’opposizione le parole del sindaco in diretta tv nazionale. «Mi sono coricato alcune sere fa pensando che Milazzo fosse una città normale. Mi sono risvegliato l’indomani sapendo, grazie alla televisione, che Milazzo è una città dove c’è la mafia e l’omertà sociale. Parole del nostro sindaco dichiarate durante la trasmissione Piazza Pulita di La7», ha tuonato Midili.

Il politico entra nel dettaglio: «A esplicita domanda di Vittorio Sgarbi al nostro sindaco, “ma a Milazzo c’è la mafia?”, la risposta testuale è stata : “Si, come in tutta la Sicilia”.

Midili casca dalle nuvole. E si dice preoccupato: «Io so che a Milazzo c’è delinquenza, per carità, come in tutte le parti del mondo – continua –  ma che Milazzo dovesse andare agli onori della cronaca per essere un paese mediamente mafioso, questo non me lo sarei aspettato».

Il sindaco Formica, riferendosi all’operazione antiassenteismo della Guardia di Finanza, in trasmissione aveva detto che a Milazzo è mancato il “controllo sociale”. «Non mi sarei aspettato di scoprire che se domani mattina qualcuno di noi entra al bar – ha detto Midili –  il barman ci deve domandare se abbiamo il permesso sul posto di lavoro e ci possiamo prendere il caffè, o se il panettiere abbia l’obbligo di accertare se abbia il permesso di lavoro o se sto ritornando a casa. Io vivo in un’altra Milazzo, dove c’è la delinquenza media ma mai è balzata agli onori della cronaca per avere cosche o famiglie mafiose. Sono orgoglioso di vivere in un altra Milazzo. Il sindaco si svegli: il periodo del kgb sono finiti».

Midili si sente offeso. «Mi sento da milazzese offeso da quanto dichiarato dal sindaco in televisione. Voglio capire perchè ha associato la parole mafia a Milazzo e cosa intende per controllo sociale. Perchè questo significherebbe, a questo punto, che una parte di questo consiglio comunale ha ricevuto voti dalla mafia. E io ritengo che non sia così. Quindi caro presidente la invito a fare riunione inerente con i capigruppo per verificare la necessità di una riunione straordinaria dalla presenza del sindaco. Capire se viviamo in una società satellite degli anni 80 dell’Unione sovietica».

Midili ha anche chiesto un consiglio comunale straordinario per capire «se  esistono sospensioni disciplinari sospese» e potere chiedere delucitazioni dal sindaco «che dovrebbe spiegare quello che ha intenzione di fare».

Condividi questo articolo
2.143 visite

guest
17 Commenti
più recente
meno recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
VXV
VXV
3 anni fa

io che lei caro signor midili non si sia mai reso conto che vi fosse mafia a milazzo diciamo che non mi stupisco….forse lei vive in un altra realtà . siete offensivi verso ogni singolo cittadino,,,non siete degni di rappresentarli

uomoqualunque
uomoqualunque
3 anni fa

la mafia a milazzo così come in tutta la sicilia significa che il tessuto socio-economico civile è ridotto alla fame, criminalità organizzata vuol dire ZERO lavoro per le persone oneste e imprese che chiudono. Bravo sindaco, diciamo le cose come stanno, non facciamo come quel personaggio del film Johnny Stecchino che diceva che l’ unico problema della sicilia è “ittraffico”

Maria
Maria
3 anni fa

Midili sembra appena tornato da paperopoli, eppure amministra la città da anni

Ahahahaha
Ahahahaha
3 anni fa

Midili fai solo cabaret

uomoqualunque
uomoqualunque
3 anni fa
Reply to  Ahahahaha

….forse pensa di essere ancora in Tv

Luigi
Luigi
3 anni fa

Un consiglio comunale stupido ed inutile sara’ come tanti altri.E’ una presa d’atto che si fa e che gia’ si sa.La ” mafia” esiste nella politica, nelle scuole, nella sanita’.Ricatto , arroganza,prepotenza, vendetta.Questa e’ la mafia.Vai a scuola Midili.