Due le parole cardine: “risanamento” e “sicurezza”. Diverse le iniziative che verranno portate avanti nelle prossime settimane in merito alla mancata approvazione del piano paesaggistico, del piano di risanamento, al monitoraggio ambientale, e ai piani di emergenza. «In caso di incidente, ancora oggi, nessuno sa come comportarsi», hanno detto. Ieri alla Parrocchia di Archi si è tenuto un incontro fra cittadini (pochi, a dire il vero), amministratori locali cittadini e associazioni pe ricordare il secondo anniversario dell’incendio che ha distrutto il serbatoio tk513 della Raffineria di Milazzo del 27 settembre 2014. Per l’occasione è stata inaugurata la nuova centralina di monitoraggio installata nella Parrocchia (i dati sono visibili su www.incendiomilazzo.it)
Sono intervenuti il sindaco della Città Metropolitana di Messina Renato Accorinti, i sindaci di Condró, Furnari e Monforte San Giorgio, gli assessori dei comuni di Gualtieri Sicaminó, Milazzo, Pace del Mela, San Pier Niceto e Santa Lucia del Mela e l’esperta del Comune di Torregrotta.
Padre Giuseppe Trifiró, parroco di Archi, ha comunicato di aver scritto al presidente del consiglio dei ministri e lo ha invitato sul territorio per vedere con i suoi occhi le diverse criticità ambientali e sanitarie.
É stato comunicato che le Associazioni Adasc, Tsc, Comitato Lenzuoli 27 settembre hanno dato mandato all’avvocato Vera Giorgianni per presentare un intervento ad opponendum presso il Tar Lazio contro il ricorso presentato da Edipower sull’inceneritore della Valle del Mela. Altre associazioni si stanno unendo e verrà presentato un atto congiunto.
La società Esi ha presentato un progetto per realizzare un impianto di incenerimento di rifiuti ospedalieri, sanitari, fanghi, catalizzatori industriali nella zona industriale di Giammoro. Le associazioni hanno dichiarato la loro contrarietà e metteranno in atto azioni per contrastare la realizzazione.
Nei prossimi giorni una delegazione delle Associazioni incontrerá il sindaco della Città metropolitana di Messina, Renato Accorinti per definire le azioni da intraprendere insieme agli amministratori locali per risanare il territorio. Dopo l’incontro è stata celebrata una messa.

Condividi questo articolo