Difficilmente lo si incontro al Municipio, nessuno sa cosa fa, cosa abbia prodotto in un anno e mezzo di mandato e qual è la sua visione amministrativa. Ogni tanto il suo nome viene associato a manifestazioni ciclistiche (non tutte riuscitissime) o corride dilettantesche. Per il resto il silenzio assoluto. A chiedere notizie dell’assessore Carmelo Torre, un vero ectoplasma della politica milazzese, sono i commercianti del centro di Milazzo che da oltre un anno aspettano un “sussulto” da parte dell’assessore allo Sviluppo Economico.

Torre, secondo quanto sostengono i negozianti, non si è mai occupato di loro anche per un ruolo di coordinatore. «Lo sappiamo che non ci sono fondi – dice Pippo Russo di Confcommercio a nome di tanti colleghi commercianti – ma l’assessore potrebbe anche svolgere un ruolo di “mediatore” tra le varie esigenze e risolvere questioni amministrative a cui spesso si va incontro quando qualcuno di noi intende accollarsi l’onere di qualche iniziativa. E’ assurdo pensare che dobbiamo essere noi a sollecitarlo o a chiamarlo e non lui a dare un significato alla poltrona che riscalda».

I commercianti hanno smesso di “sognare” una programmazione annuale. «Fino a quando Torre rimarrà in carica difficilmente potremo contare su un sostegno, anche morale, da parte dell’ente comunale: ormai ce ne siamo fatti una ragione – attacca Russo che però, sottolinea di non avere nulla di personale contro il politico – confidiamo, però, in un segnale dell’amministrazione almeno per il Natale. Siamo ormai ad ottobre, commercialmente parlando a novembre già si respira aria natalizia, se non ci riuniamo ora tutto non ci saranno i tempi tecnici per organizzare alcunché».

L’attività di Torre, per molti, rimane una incognita. Si è tenuto alla larga dalla polemica dell’isola pedonale permanente in Marina Garibaldi nonostante la sommossa dei commercianti (convocò una riunione lo scorso aprile, cinque mesi dopo la polemica); non ha fatto interventi sulla mancata ripresa dei parcheggi a pagamento nel centro che penalizza le attività commerciali a favore dei centri commerciali; non si è fatto promotore di interventi per snellire gli iter burocratici a cui devono far fronte i commercianti (uno per tutti il suolo pubblico). «L’unica cosa certa – conclude Russo – è che sta lavorando per ottenere finanziamenti per un fantomatico ecoporto in Marina Garibaldi di cui non vi è traccia nel programma elettorale di questa amministrazione e non si capisce a base a cosa stabilisce che la città ne senta la necessità»

Questa non è la prima volta che i commercianti contestano apertamente “l’assessore fantasma”. Il Comitato commercianti Milazzo già in passato aveva accusato Torre di pensare “in grande”, dimenticando la quotidianità con una lettera protocollata al comune. A contrariare i piccoli commercianti era stata l’esternazione dell’assessore con la quale proponeva di rendere utilizzabili ai fini commerciali aree e strutture sia industriali che agricole oggi dismesse (peraltro private) per creare o trasferire attività commerciali come se nel nostro Comune le superfici attualmente dedicate al commercio fossero esigue o non sufficienti a soddisfare i bisogni d’acquisto dei cittadini, via via sempre meno presenti.

LEGGI L’ARTICOLO: L’ASSESSORE TORRE REPLICA AI COMMERCIANTI: «IO LAVORO IN SILENZIO»

Subscribe
Notificami
guest
7 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
PEPPE
7 anni fa

L’ eco-porto in marina?si sente odore di barca e posti barca.Diciamoci la verità:che competenze hanno questi assessori per svolgere il loro lavoro?NESSUNA!! Se ti fai operare dal fruttivendolo (persona che non conosce la medicina) come pretendi di svegliarti?? Torre è fruttivendolo in questo caso, non può fare il medico!Se mai gli riuscirà una operazione su 100 non sarà bravura ma solo C_ _ _O!!

VERITA\'
VERITA\'
7 anni fa

FRA QUALCHE GIORNO NEL MUNICIPIO DI MILAZZO VERRA’ GIRATA UNA PUNTATA DELLA TRASMISSIONE TELEVISIVA “MISTERO” PERCHE’ E’STATO CONSTATATO CHE CI SONO TANTI FANTASMI.

nuccio
nuccio
7 anni fa

non voglio difendere Torre ma gli altri assesori che stanno facendo di utile per non parlare del sindaco!!! certo na squadra da serie “Z” cioè ZERO ASSOLUITO!! per la Confcommercio mi domando cosa ha prodotto in 40 anni di permanenza a Milazzo “DOPPIO ZERO ASSOLUTO

Franco
Franco
7 anni fa

Se Torre in questi mesi si è preso lo stipendio potrebbe essere configurato il danno erariale.

Massimo
Massimo
7 anni fa

U vutastu ghiancitibillu , certo a quei consiglieri che aveva lui e sono saliti .Lo sapevamo tutti che Formica aveva la squadra di assessori vecchio stampo . Nuovo non c’è nessuno tutto riciclato e la cosa più antipatica è stata quella di votare il nuovo . Alla faccia del bicarbonato , come dice Totò