Dopo i primi interventi nella zona di Bastione finalizzati alla rimozione di rifiuti di vario genere (tronchi, canne, arbusti vari, plastica, vetro, lattine, pneumatici) nei terrapieni della zona di Bastione e Torretta, sono iniziati questi mattina i lavori di rastrellamento manuale del personale della Dusty nell’area del Tono, quella che maggiormente ha sofferto la presenza dei detriti alluvionali delle maree invernali. A darne notizia l’assessore all’Ambiente, Damiano Maisano che ha effettuato un sopralluogo per verificare lo stato dei lavori.

«Abbiamo chiesto alla ditta di intensificare l’attività di bonifica straordinaria – ha affermato l’assessore – al fine di rendere fruibile la spiaggia a stretto giro anche perché le previsioni meteo lasciano immaginare un forte rialzo delle temperature e quindi i cittadini si recheranno sugli arenili. L’Amministrazione vigilerà sugli interventi affinché tutti gli interventi siano portati a compimento in modo efficace. Lo scorso anno ci eravamo impegnati a far partire la pulizia delle spiagge entro il mese di maggio e abbiamo mantenuto l’impegno».
L’intervento straordinario di bonifica delle spiagge è stato previsto nell’ordinanza adottata dal sindaco Giovanni Formica che proroga il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti sino al 30 settembre alla Dusty, vincitrice della gara dello scorso marzo ed è scaturito da alcune relazioni di Capitaneria di porto, Asp che hanno accertato che la presenza sul litorale di ponente di rifiuti di vario genere (tronchi, canne, arbusti vari, plastica, vetro, lattine, pneumatici) che “costituiscono grave inconveniente igienico-sanitario per i frequentatori dell’arenile, anche in vista dell’approssimarsi della stagione estiva”.

guest
8 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
orazio bonaccorso
6 anni fa

Semplicemente mi pare “indecente” definire pulizia ciò che maldestramente e’ stato fatto in spiaggia: tutti possono vedere,compreso l’assessore di settore, il risultato! Pulire significa anzitutto asportare,eliminare sterpaglie, plastica, canne e quanto altro era ED E’ ANCORA presente sulla spiaggia. Non e’ così: si sono limitati a un intervento di triturazione del sopra detto materiale spargendo lo minuziosamente tra il “cicirello”. Sono rimasti liberi da ciò’ solo gli ultimi 20 metri di spiaggia. Vedere per credere, sig. Assessore. Venga sotto l’ex. eolian a constatare il brillante risultato!!! Per rimanere in tema di uso della spiaggia a quando signori politici una scaletta… Leggi il resto »

mare
6 anni fa

stamattina mi son fatto un giro per i luoghi di balneazione di milazzo ed ho visto che tutto è come prima…la baia del tono e piena di immondizia,la croce di mare non ne parliamo al capo idem…anzi un di piĂą alla sporcizia si sono sommati anche cisterne di amianto e fogne a cielo aperto …vedi alla panoramica…che vergogna che schifo neanche nel quarto mondo…!!!

mare
6 anni fa

stamattina mi son fatto una passeggiata al tono,alla croce di mare al capo …e tutto come prima,anzi un di piĂą…la sporcizia si è abbinata anche la fogna a cielo aperto…vedi alla panoramica…ma che schifo, neanche nel quarto mondo…!!!

Francesca
Francesca
6 anni fa

Ma se l’anno scorso ala ngonia ho aiutato anch’io legambiente a giugno inoltrato,senza parole come ci fossimo dimenticati….che poi la loro pulizia e stata far passare le ruspe e spargere i detriti invece di raccoglierli.manco l’idea hanno

nicola
nicola
6 anni fa

ringraziamo la testata giornalistica per aver diffuso una normale procedura comunale.
questo deve essere la normalitĂ  non l’emergenza.
W le spiagge libere….ora godiamoci il mare di milazzo..senza pagare pedaggio.