Il sindaco Giovanni Formica a seguito delle dichiarazioni che ormai da qualche settimana circolano sul futuro del Comune e sul possibile dissesto, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«Si fa un gran parlare in questi giorni e in queste ore della situazione economica del comune di Milazzo. E, spiace dirlo, lo si fa commettendo molti errori di prospettiva. Si discute, impropriamente, della posizione dell’amministrazione rispetto al dissesto che, è utile rammentarlo, è stato annullato dal TAR. Ribadisco, oggi con molti più elementi di allora, che nel 2013 la dichiarazione di dissesto intervenne senza il supporto dei dati reali. E questo è grave e sbagliato.

I CONTI NON TORNANO. Mi permetto di dire anche che se l’Amministrazione in carica non si fosse così accanita dal punto di vista giudiziario, la vicenda si sarebbe potuta chiudere prima con effetti assai benefici per tutti. Ora come allora, comunque, sostengo che prima di assumere una decisione così importante per la vita dei cittadini, si debbano fare bene i conti. Ed è quello che stiamo tentando di fare.

IL RAGIONIERE GENERALE. Dico tentando perché il nostro ente non ha un ragioniere generale e questo rappresenta il punto di maggiore debolezza che dobbiamo risolvere. Abbiamo approvato il conto consuntivo 2014 ed il bilancio di previsione 2014. Due documenti che, insieme al consuntivo 2014, per disposizioni di legge e del Ministero dell’Interno, avremmo dovuto trovare già adottati quando ci siamo insediati. E la mancanza di questi strumenti finanziari è la prova più evidente che di per sé il dissesto, così come qualsiasi diversa misura di risanamento, non servono a nulla se non hai una struttura amministrativa attrezzata a gestire il dopo. È un po’ come pensare che un ospedale costruisca una splendida sala operatoria, ma non assuma chirurghi.
I BILANCI CHE NON CI SONO. Pensiamo a cosa è accaduto dopo il 2013. Se il dissesto fosse stato la panacea di tutti i mali, per l’avvenire tutto sarebbe stato perfetto. E invece no. Non si sono fatti i bilanci, che sono gli strumenti attraverso i quali chi governa programma e realizza ciò che ha in mente per la città. Anzi, se dobbiamo dirla tutta, dopo il 2013 si è amministrato con grande approssimazione, si sono registrati milioni di euro di debiti nuovi di zecca di cui nessuno ha ancora parlato e si sono gestiti i conti con grande disinvoltura come ha potuto constatare l’ispettore mandato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.
Per gli amanti del genere, che pare siano parecchi, la domanda è, quindi, quella che qualche sera fa ho posto in consiglio comunale: un ente che dichiara il dissesto, quale adempimento deve compiere subito dopo? La risposta è nella legge: deve fare il bilancio stabilmente riequilibrato. E si ritorna al punto di inizio. Senza un ragioniere generale non si può. A meno che qualcuno ritenga normale che la parte politica si sostituisca a quella gestionale in violazione del principio di separazione dei poteri, oppure pensi che la soluzione sia dichiarare il dissesto ogni cinque anni.
DEBITI INESISTENTI. In questi mesi abbiamo fatto tutto ciò che si poteva e doveva fare nella situazione data. Abbiamo fatto pulizia nella contabilità, individuando e cancellando debiti inesistenti per oltre 12 milioni di euro, mentre quelli veri, i debiti fuori bilancio, anche se molto vecchi, li stiamo ricostruendo noi perché chi aveva il dovere di tirarli fuori dai cassetti non lo ha fatto. Quel che serve adesso è costruire una struttura che funzioni, con i dirigenti giusti al posto giusto a guidare il resto del personale.

VIAGGIO A ROMA. Per questo lunedì sarò, insieme alla segretaria e al prof. Martella al MEF per tentare di trovare una soluzione vera e definitiva che permetta ai cittadini di avere finalmente ciò che meritano. Per il resto, non si illudano i molti avvoltoi che svolazzano sul e dentro il palazzo. Pur nelle difficoltà, continueremo ad assicurare i servizi indispensabili e, anche se siamo stati costretti a rinunciare al nostro programma per otto mesi, tireremo definitivamente fuori il comune di Milazzo dalle secche in cui ce lo hanno fatto trovare e realizzeremo le cose per le quali i cittadini ci hanno eletto».

Condividi questo articolo
878 visite

11
Rispondi

avatar
400
11 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
9 Comment authors
DomenicorobertorivaMassimoMirco Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Domenico
Ospite
Domenico

Ma dico io ma vi rendete conto quanti giri di parole?! Per dire cosa?? IL NULLA! Anzi, che e’ colpa degli altri! Ma perché Formica non si assume la responsabilita politica di questi 8 mesi di nulla??? No, che c’entra! Andate a case, non siete capaci!

roberto
Ospite
roberto

Una domanda .ma chi aspetta i suoi soldi con il dissesto li prenderà tutti come avete promesso ?
e poi è sempre colpa di lorenzo e di carmelo al 100 x 100 mentre quello prima ninuzzu un SANTU .ma u mulinu lo presti come è u fattu ?

roberto
Ospite
roberto

Mi ripetete che il comune e’ privo di un ragioniere generale …quindi si dovrebbe fare un concorso per ragioniere generale,, ma michele bucolo non ha preso il posto del buonanima saro foti? quindi lascio al vostro pensiero( come si può fare ) il presente rag. gen. cosa andrà a fare forse il comandante dei VV:UU. ? perchè la comandante è brava a fare il dirigente al 4° Settore

riva
Ospite
riva

Lorenzo solo tu ci puoi salvare!!!

riva
Ospite
riva

facceli risparmiare sti soldi per il biglietto!!