Il senatore Dei Verdi Bartolomeo Pepe finanzierà un monitoraggio biologico per verificare tasso dei metalli pesanti e altre sostanze chimiche nel sangue e nel Dna in un campione di cittadini di Milazzo e della Valle del Mela. Lo ha comunicato stamattina nel corso di un incontro avvenuto nella sede del candidato a sindaco di Milazzo Green. Pepe ha raccontato della sua esperienza lavorativa in un petrolchimico e della sua malattia. Proprio per questi motivi ha messo a disposizione una somma di denaro per effettuare “Una analisi per la vità”, uno screening ad un campione di cittadini di Milazzo per verificare l’incidenza dell’inquinamento industriale e, nello specifico, il tasso dei metalli pesanti e altre sostanze chimiche nel sangue e nel Dna. «In qualità di componente della Commissione di Inchiesta bicamerale sui fatti di illecito ambientale ed ecomafia – aggiunge Marano – mi aggiornerà passo passo sulle audizioni avvenute in prefettura sia del sindaco di Milazzo che delle altre istituzioni». Riguardo le mancate bonifiche, lo stato di contaminazione all’interno della raffineria hanno dichiarato che vigiliranno «sul comportamento dell’Asp di Messina e se ci saranno eventuali omissioni e violazioni di legge». «Ognuno dei soggetti, nelle loro qualità di massime autorità sanitarie, si dovranno assumere le loro responsabilità così come previsto per legge – ha detto il senatore Pepe – adesso si apre un capitolo nuovo della politica Milazzese, fatto di verità nascoste da tempo e di corretta informazione». Marano è intervenuto sulla riconversione industriale. «Non pretendere lo stesso trattamento avuto a Gela per Milazzo ovvero 2 miliardi e 200 milioni di Euro da investire in risanamento, bonifiche e appunto nella riconversione significa essere dei mascalzoni politici, significa continuare a barattare la vita delle persone», sostiene Peppe Marano.

Bartolomeo Pepe, con la commissione d’inchiesta, sta portando avanti studi spesso tralasciati, come quello sulla tossicologia ambientale, e per questo ha anticipato la disponibilità economica ad effettuare uno screening tossicologico su dieci soggetti anche a Milazzo, per iniziare a dare un segnale forte: «Non possiamo far fare soldi ai privati scaricando poi sulla spesa sanitaria nazionale i miliardi per curare chi si ammala per l’inquinamento: le multinazionali sono killer che risparmiano sulle bonifiche, bisogna rivedere tutto il sistema, il lavoro non può uccidere», ha concluso il senatore Bartolomeo Pepe.

 

Condividi questo articolo