Tutelare e diffondere la cultura marinara in vista dell’istituzione del Museo del Mare di Milazzo. É quanto si prefigge l’iniziativa promossa dai volontari del Museo Ican allestito presso l’ex Carcere Femminile di via Impallomeni, la cui esposizione marinara é stata trasformata in un vero e proprio laboratorio nautico destinato agli studenti interessati a scoprire il passato e le potenzialità della città dei due mari. Tutti i sabati pomeriggio, sino a fine maggio, programmati incontri ed esplorazioni per conoscere e vivere le tradizioni ed il futuro della marineria locale. Con professori degli istituti Nautici, maestri d’ascia, pescatori professionisti, comandanti, ufficiali di Marina ed anziani tonnaroti saranno esplorate tutte le peculiarità marinare della città di S. Francesco di Paola e Luigi Rizzo. Gli incontri sono aperti non solo agli studenti ma anche ai cittadini desiderosi di conoscere meglio il nostro mare e si svolgeranno tra i reperti marinari dell’ex Carcere Femminile e le barche di Vaccarella.

il mastro d’ascia Gianni Chillemi

Dai racconti e dalle testimonianze di don Nino Maisano, ultimo tonnaroto della Tonnara del Tono, sarà possibile ripercorrere le fasi della pesca del tonno, dall’«uscita in piano» di reti e cordami al selvaggio rituale della mattanza. L’arte del maestro d’ascia verrà invece illustrata da mastro Gianni Chillemi, che nei cantieri navali di Milazzo si specializzò nella costruzione di barche da pesca e da diporto e nella manutenzione dei natanti delle tonnare del Messinese. Salvatore Salmeri, pescatore di Vaccarella, relazionerà sulle varie tipologie di reti e “mestieri” impiegati nel rione marinaro, dalle lacciare alle battuglie, dai conzi alle nasse, illustrando con esercitazioni pratiche la cucitura delle reti. Il capitano di lungo corso Gaetano Salmeri introdurrà invece i ragazzi in materia di servizi nautici operanti nel porto e rada di Milazzo. Il modellista Lorenzo Neri guiderà infine i ragazzi nella realizzazione in scala di un modellino del palischermo della Tonnara di Oliveri costruito a fine Ottocento nel cantiere milazzese di mastro Giovanni Vitale. Gli incontri, previsti dalle 15,30 alle 18,00 di ogni sabato, saranno accompagnati da proiezioni di filmati sulle tonnare e sulle eroiche gesta di Luigi Rizzo, da esercitazioni pratiche sui nodi marinari e dalla consegna di pubblicazioni omaggio sulla marineria milazzese. La partecipazione agli incontri è gratuita.

 

Condividi questo articolo
1.128 visite