E’ giusto accettare contributi dalle industrie? Dopo l’organizzazione della Notte Bianca ritorna la polemica sugli “aiutini” da parte della Raffineria di Milazzo che ha contribuito al rifacimento del manto erboso dell’oratorio della parrocchia di Olivarella. Intervento contestato dal “solito” Peppe Marano, candidato al sindaco con il movimento “Milazzo Green”. La struttura realizzata da Padre Mostaccio permette a tantissimi giovani della zona di trovare un luogo di accoglienza e di divertimento. Dopo 6 anni di utilizzo da parte di molti ragazzi, non solo della comunità, ma anche dei dintorni, si è reso necessario il rifacimento del manto di erba sintetica che risultava usurato dal calpestio. Il rifacimento dle campetto è stato ritenuto meritevole da parte della Ram poichè ritenuto «luogo di speranza…con l’obiettivo di essere vicini alle esigenze sociali del territorio».

oratorio olivarella

Contrario a questi interventi il “solito” Marano. «Per noi tutto questo è amorale e non può essere di esempio per la comunità, la chiesa non può accettare contributi o opere di compensazioni da chi inquina costantemente un territorio con emissioni convogliate e fuggitive di benzene, idrocarburi, acido solfidrico ecc. ecc. tutte sostanze chimiche di ogni genere che contribuiscono a Metilare il DNA dei cittadini e dei bambini in quanto trattasi di sostanze altamente tossiche e cancerogene. E’ una cosa vergognosa che la Raffineria di Milazzo continua ad elargire contributi, definendosi di essere vicini alle esigenze sociali del territorio. Il nostro comprensorio non ha bisogno di questo ma di Bonifiche, di Risanamento», attacca il Verde. Nel mirino è finito anche il parroco, padre Dario Mostaccio il quale, senza entrare in polemica con nessuno, si limite a sottolineare che «il campetto dell’Oratorio è stato costruito nel 2008 su iniziativa della comunità parrocchiale. Dopo una mia proposta, un centinaio di famiglie si sono rese disponibili a versare 10 € mensili per pagare il 50% delle rate del mutuo. Il restante 50 % è stato pagato con contributo annuale dell’8×1000 ricevuto per 4 anni. E’ aperto tutti i giorni dalle 17 alle 20 gratuitamente per i ragazzi del nostro territorio. Se qualcuno vuole giocare la sera, organizzando una partita con i propri amici, chiede e se possibile abbiamo concesso a fronte un contributo spese, sicuramente non per lucrare (per la cronaca vengono fatte 2-3 partite a settimana). Invito, chi desidera, a venire a constatare di persona. Se si è reso necessario il cambio del manto evidentemente è stato usato abbastanza».

Condividi questo articolo