Il comune di Milazzo non paga la bolletta della luce e l’Enel si prepara a tagliare la corrente elettrica a numerose strutture pubbliche. A subirne le conseguenze sono da giorni l’assessorato ai Lavori pubblici nella sede dei Cappuccini (accanto al cimitero), la palestra comunale del Ciantro, la fontana di Cartesio in Marina Garibaldi, una intera via, la Vico Banditore nei pressi della piazzetta Sena. L’Enel ha dimunito dell’85% la potenza dell’energia con tutte le difficoltà immaginabili.

Uno dei contatori del comune

Il comune ha un debito di 2 milioni 300 mila euro con la società. Era stato rateizzato ma l’amministrazione, a causa della mancanza di liquidità di cassa, ritarda nel versamento delle somme. Secondo l’assessore alle Finanze, Pippo Midili, si sta cercando di rimediare al disagio, ma il problema si ripresenterà ad ogni scadenza.

 

 

Condividi questo articolo
425 visite