Il dirigente generale del dipartimento Trasporti e comunicazioni della Regione ha inviato una lettera al Comune di Milazzo con la quale comunica di aver disposto il recupero coattivo della somma di 455 mila euro oltre interessi ed altre spese, attraverso Equitalia servizi. La cifra riguarda un contributo erogato nel 2005 dall’assessorato regionale ai Trasporti per la realizzazione del parcheggio di piazza 25 Aprile. Successivamente, a seguito del contenzioso sorto con la ditta appaltatrice nel 2006, la Regione, nel 2008, ha deciso di revocare il contributo, in quanto l’opera non è stata realizzata con un progetto di finanza, notificando il provvedimento all’Amministrazione comunale.

PIazza XXV aprile

 

A quel punto si è aperto un ulteriore contenzioso tra l’Amministrazione del tempo (con incarico affidato all’avv. Antonella Pavasili) ed il Dipartimento turismo della Regione. Il Tar di Catania ha però respinto la richiesta di sospensiva presentata a tutela delle ragioni del Comune. In virtù di ciò, nel marzo 2010 è arrivata da Palermo la diffida al Comune di versare la somma di 455 mila euro, rimasta però inevasa. Adesso la comunicazione dell’azione coattiva avviata che ha indotto il dirigente del 6° Dipartimento “Lavori Pubblici” ad attivare l’Ufficio Legale del Comune per avere delucidazioni sul procedimento pendente. La responsabile dell’Ufficio ha inviato una lettera all’avv. Pavasili per avere riscontro sulle attività poste in essere a tutela dell’Ente.
”Una nuova tegola – afferma il sindaco Pino – che incide pesantemente sulle casse finanziarie e purtroppo la conferma di quanto continuamente sostengo. Ormai è uno stillicidio quotidiano con decreti ingiuntivi, intimazioni di pagamento, richieste di rimborso, tutte per situazioni pregresse. Due anni di sacrifici per cercare di risanare, azzerando le spese, ma quotidianamente si registra un vero e proprio attacco alla diligenza”.

Condividi questo articolo
729 visite