I Carabinieri della Compagnia di Milazzo e quelli del Nucleo Investigativo di Messina, coordinati dal sostituto procuratore della Repubblica di Barcellona, Mirko Piloni, hanno recuperato alcuni preziosi risultati appartenuti ad Eufemia Biviano, la donna di Lipari uccisa la vigilia di Natale. I preziosi, recuperati dai carabinieri in un “Compro oro” di Milazzo sarebbero appartenuti alla vittima dell’omicidio che ha scosso la comunità liparota. Dalle indagini sarebbe altresì emerso un coinvolgimento del netturbino Roberto Cannistrà, arrestato nei giorni scorsi e accusato del delitto, nel possesso dei preziosi.

Condividi questo articolo