Danneggiata la statua del Cristo degli abissi nei fondali di Capo Milazzo. La statua è stata depositata nel 2001 in una grotta a 21 metri di profondità nei pressi di Monte Trino, su iniziativa della parrocchia di Santa Maria Maggiore e la collaborazione di alcuni appassionati sub come Paolo Cutelli. Un gesto di devozione al mare, fonte di sostentamento e di vita specialmente per il borgo marinaro di Vaccarella.

Cristo degli abissi

A distanza di dieci anni la statua marmorea, non si sa se per colpa delle condizioni meteo marine o per dolo da parte di qualche sub, è stata divelta dal basamento e rimane depositata nei fondali. Al Cristo manca un braccio e una mano come si vede nelle foto in esclusiva scattate dal sub Gianni Milone. Il parroco della parrocchia di Santa Maria Maggiore, padre Mario Savarese si sta muovendo per acquistare una nuova statua. “Stiamo valutando se acquistarla di marmo o di bronzo, un materiale di certo più resistente ma più costoso – anticipa il sacerdote, rettore del santuario di San Francesco di Paola – in ogni caso la sostituzione la potremo fare solo in estate quando le condizioni meteo saranno più favorevoli”. L’attuale statua sarà recuperata e custodita nella chiesa di Santa Maria Maggiore.

Condividi questo articolo