Prova del nove per il Castello di Milazzo. Domani, venerdì 26 luglio, si terrà la prima grande manifestazione che metterà alla prova la funzionalità del Castello di Milazzo interamente aperto al pubblico.  L’Associazione Culturale “Athenaeum”, infatti, alestirà la “La Notte Rosa”, con la promozione dell’assessore ai Beni culturali Dario Russo e da “La Compagnia del Castello”.  L’intento è quello di creare una vera e propria sensibilità sociale sul tema della violenza sulle donne, questione tristemente nota per gli episodi di femminicidio, ormai all’ordine del giorno tra le notizie di cronaca.

Alcuni dei promotori de La Notte Rosa

«Athenaeum – si legge in un comunicato – ha deciso di fare informazione, prevenzione e azione su questa piaga sociale attraverso un’esaltazione culturale e artistica della Donna». Sarà una manifestazione dedicata interamente all’universo femminile, durante la quale verrà approfondito il tema della violenza con un convegno di apertura alle 19.30, al quale parteciperanno esperti del settore (avvocati, psicologi, assistenti sociali, associazioni impegnate sulla problematica) e testimoni di atti persecutori. La serata proseguirà con una serie di esibizioni di artisti locali: cantanti, gruppi musicali, accademie di danza e di teatro, attori professionisti i quali omaggeranno la figura femminile. All’interno degli edifici storici del Castello ( Monastero delle Benedettine, Mastio) saranno presenti più di quindici mostre fotografiche e di pittura a cura di singoli e associazioni milazzesi -e non solo. Ci sarà inoltre un’area dedicata all’attività fisica più in voga del momento, Zumba fitness. Infine, sarà possibile ammirare creazioni esposte durante la serata da donne artigiane.  La notte rosa sarà infine contornata dal “Beer Fest Tour”, festival della birra e del rock già presente al Castello nei giorni antecedenti al 26 Luglio. «Il contributo economico di alcuni esercizi commerciali e imprenditori del luogo è stato essenziale per sostenere le spese “di prima necessità” per la realizzazione di un evento di simile portata -sottolinea la nota di Athenaeum – tuttavia, l’organizzazione di questa grande serata è stata possibile specialmente grazie all’entusiasmo inarrestabile di un gruppo di persone che crede ancora immaginabile realizzare qualcosa di bello con le sole risorse umane e con la passione per le battaglie dalla giusta causa».

 

Condividi questo articolo
425 visite