Il consiglio comunale, riunito in adunanza straordinaria su richiesta di Giuseppe Doddo, Francesco Russo, Antonino Italiano, Fabiana Bambaci e Danilo Ficarra per discutere dell’abbattimento delle accise, alla fine ha deciso di predisporre ed approvare un dettagliato e circostanziato documento da inviare agli altri Consigli comunali del comprensorio per allargare il fronte della protesta ai fini della richiesta da portare poi in sede ministeriale. Della seduta quindi sono rimasti soltanto gli interventi sull’argomento, introdotto da Doddo, e poi sviluppato da Antonino Italiano che ha ricordato come quello delle accise è problema che Milazzo avrebbe dovuto risolvere almeno 30 anni fa. E’ una vicenda sulla quale bisogna metterci la faccia – a suo avviso – perché ci sono tutte le condizioni per rivendicare l’abbattimento delle accise, in considerazione del fatto che sul territorio insiste una raffineria, scelta fatta negli anni ’60 da amministratori che non sono stati lungimiranti. Il consigliere Santi Saraò ha concordato  sulla necessità di promuovere un’azione in ambito locale e da portare avanti con il coinvolgimento di altre amministrazioni presenti nel comprensorio. Per Alessio Andaloro sarebbe stato opportuno stilare un documento da approvare e poi impegnare altri Comuni, mentre Antonio Foti, manifestandosi favorevole al ragionamento, ha fatto riferimento ad alcune categorie che non possono più oltre sostenere il peso dell’aumento dei carburanti ritenendo che a condizionare la crescita del territorio siano stati a suo tempo i provvedimenti che hanno portato a dichiarare l’area ad alto rischio di crisi ambientale e il sito Sin. Deducendo che il problema dell’abbattimento delle accise si collega al tema ambientale ed investe tutto il territorio, entrambe questioni da portare avanti. Si riprenderà quando sarà definito il documento in maniera bipartisan.
Nel corso della seduta interventi anche su altre questioni. Il consigliere Doddo è tornato sul porto sostenendo che a Milazzo a differenza di altri scali, non vi sia quella ricchezza che l’attività portuale offre. E ha annunciato di aver promosso un sit in all’ingresso dell’area portuale dandone comunicazione al locale Commissariato di P.S.

SMALTIMENTO RIFIUTI. Facendo accenno alla presente difficoltà che si registra nello smaltimento dei rifiuti, Foti ha sostenuto la necessità di un’adeguata impiantistica in provincia e quindi l’importanza di aprire un confronto con enti ed istituzioni interessate. Sulla questione portuale, egli ha parlato di ritardi e mancati interventi, riferendosi soprattutto alla banchina XX luglio ed al molo Marullo, per cui ha auspicato azioni concrete per la sollecita soluzione dei problemi.

AMATO AL GRUPPO MISTO. Il consigliere Antonino Amato ha comunicato che il passaggio al gruppo misto (già ufficializzato) è stato motivato dalla diversità di vedute politiche con gli altri componenti del gruppo di appartenenza, e quindi mettendo al bando con questo ogni eventuale commento e speculazione politica e confermando anche l’impegno nell’affrontare le problematiche cittadine.

COLLEGAMENTI CON L’OSPEDALE. Sollevata da Lorenzo Italiano la questione dell’ospedale ed il problema delle criticità e dei disservizi connessi, mentre ha richiamato una nota della responsabile del dipartimento sanità della Cisl Fp Messina, Venera Mostaccio, con la quale veniva segnalato il perdurare di limitazioni alla viabilità imposte sul cavalcavia, con gli autobus che non possono raggiungere l’ospedale, creando disagi a tanti  lavoratori e pazienti. In merito ha chiesto al presidente del consiglio se ci sono riscontri da Palermo per affrontare il problema dell’ospedale con la presenza dell’assessore regionale. Infine sollecitava l’arrivo in aula del piano regolatore.

Il presidente Oliva faceva  presente che l’ufficio di presidenza si è attivato, ma che non c’è stata risposta all’invito indirizzato all’assessore alla sanità. Parlava di disinteresse verso gli ospedali di Milazzo e Barcellona, Alessio Andaloro, il quale lamentava poi la gestione del porto di Milazzo, chiuso alla cittadinanza e non c’è la volontà politica di riaprirlo –aggiungeva-, ma sarebbe interessante vedere i verbali della conferenze di servizio e le decisioni che a suo tempo sono state prese –concludeva-, per capire come si è pervenuti alla chiusura del porto, ad evitare di continuare a parlare senza conoscere la storia.

DIETRO LE QUINTE. Durante il consiglio comunale, su proposta del consigliere Pippo Doddo è stato fatto un minuto di silenzio per ricordare Bettino Craxi nel ventitreesimo anniversario dalla sua morte.

guest
3 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
ettore
ettore
5 giorni fa

bla…bla…bla…bla…bla….e ancora bla.

Faccilodda
Faccilodda
6 giorni fa

Ma l’abbattimento delle accise per i cittadini di Milazzo era un punto del programma elettorale d F.Italia (di cui il ns. Consiglio è pieno) come mail non riuscite? (anche se ci mettete la faccia non arriverete anulla). Il min di silenzio è ridicolo.

Vergognatevi
Vergognatevi
6 giorni fa

Ma come,la ricchezza del porto c’è! È ricchezza per medici,ingegneri,notai,avvocati ecc milazzesi, catanesi, messinesi…che possono parcheggiare nel porto gratuitamente e avere pure l’auto custodita
La gente normale non può neanche entrare
Vorrei capire perché loro si,che hanno in più di noi