I Carabinieri della Compagnia di Milazzo, coordinati dal capitano Andrea Maria Ortolani, hanno effettuato stanote un servizio straordinario di controllo del territorio. Durante il servizio, sono stati predisposti diversi posti di controllo alla circolazione stradale con particolare riferimento alla guida sotto l’effetto di sostanze alcoliche e di stupefacenti, nonché in materia di uso personale di droghe.

Uno dei punti di controlli è stato organizzato tra la via Cristoforo Colombo e la via Cumbo Borgia dove i residenti si sono ripetutamente lamentati degli assembramenti di ragazzini che negli ultimi mesi hanno cominciato a riunirsi nei pressi del teatro Trifiletti. Schiamazzi, scooter parcheggiati sui marciapiedi, zuffe, sono diventati episodi all’ordine del giorno specialmente nel fine settimana. Ieri sera, fino a tarda notte, sono stati effettuati controlli ai mezzi dei giovani riscontrando, ad esempio, l’assenza di revisione dei mezzi, il mancato uso del casco protettivo

Complessivamente nel corso dei controlli, i militari dell’Arma hanno deferito sei persone per guida in stato di ebrezza, di cui cinque trovati alla guida di autoveicoli in stato di ubriachezza, rilevato dall’accertamento tramite etilometro, ed una in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti, accertato a seguito degli esami tossicologici cui è stato sottoposto il conducente. Inoltre sei persone sono state segnalate alla Prefettura di Messina quali assuntrici di stupefacente, poiché trovate in possesso di modiche quantità di marijuana, cocaina e hashish, detenute per uso personale, che sono state sequestrate.

Nel corso dei servizi sono state controllate più di 150 veicoli ed oltre 300 persone con la contestazione di diverse violazioni al Codice della Strada, tra cui la mancanza di copertura assicurativa, il mancato uso delle cinture di sicurezza e del casco protettivo e l’uso del cellulare alla guida.

 

guest
17 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Exconsigliere
Exconsigliere
21 giorni fa

Mamma mia quanti sceriffi ci sono in questa chat, perché non costituite una ronda cittadina e controllate voi le vie e viuzze ……

Saggezza
Saggezza
22 giorni fa

Senza riempire i carceri li portate direttamente su un punto più alto della montagna facendoli zappare per mangiare.

Faccilodda
Faccilodda
22 giorni fa

E se fai i controlli “città militarizzata” se non li fai “il sindaco dov’è? perchè non manda qualcuno a controllare”. I controlli si fanno così punto e basta… Se i ragazzini fanno i bulletti… che tornino a casa con un bel verbale, così la prossima volta mamma e papà ci pensano prima di dire “SI”

Georgiano baffaone
Georgiano baffaone
21 giorni fa
Reply to  Faccilodda

Quindi tu mi stai dicendo che sul Viale Ceccarini di Riccione o sul lungomare di Sanremo fanno queste sorte di posti di blocchi ogni weekend con decine di auto delle forze dell’ordine schierate?? La colpa che non c’e’ turismo a Milazzo poi e’ della Raffineria….

Georgiano baffone
Georgiano baffone
23 giorni fa

Scandaloso. Non che non si debbano fare i controlli…ma non in quel modo che sembra una città militarizzata, sembrava di stare allo zen di Palermo durante una retata. Vogliono fare turismo così?

Commentatore
Commentatore
22 giorni fa

Va benissimo così, ma quale zen e zen, questa dovrebbe essere la norma vista l’inciviltà diffusa, i loro genitori inoltre dovrebbero agire severamente . Chi ha la coscienza pulita non ha nulla da tenere, chi teme probabilmente….

Georgiano baffaone
Georgiano baffaone
22 giorni fa
Reply to  Commentatore

non e’ per temere o meno. E’ una questione di immagine. a Riccione sul viale ceccarini non le fanno sti blitz! Io venerdi sera ero con amici di Pescara e appena siamo arrivati in Marina…hanno esclamato: “ma che e’ successo? dove siamo? a Bagdad?” Zen di Palermo volevo essere gentile

Yes
Yes
23 giorni fa

Anche qualche controllino fiscale nei vari locali non sarebbe male…

Antonio
Antonio
23 giorni fa
Reply to  Yes

lo facciamo a te un bel controllino fiscale che dici??

Yes
Yes
22 giorni fa
Reply to  Antonio

Non ho niente da nascondere