Anche la Capitaneria di Milazzo promuove le aree marine protette italiane, in particolare quella di Capo Milazzo. “Tesori inestimabili” che si estendono per 228 mila ettari di mare. Così le ha definite il comandante della Capitaneria di porto, Massimiliano Mezzani, in conferenza stampa. Lo spunto dell’incontro è stata la presentazione della campagna promossa dal ministero della Transizione ecologica, diffusa sulle reti Rai con uno spot che intende sensibilizzare su bellezze e rispetto delle Aree Marine Protette. «Non sono aree sottratte al territorio ma una opportunità, un volano per l’economia – ha commentato Mezzani – ogni euro investito nelle Aree marine protette ne vale tre come ricaduta positiva in termini economici e di occupazione sul territorio».

Da sinistra Massimiliano Mezzani e Giovanni Mangano

Quindi un passaggio sulla vigilanza e sui controlli, garantiti attraverso unità navali, mezzi aerei, sub, laboratori ambientali. «In tale contesto – ha aggiunto l’ufficiale – un alleato molto prezioso è il “Pelagus”, un sistema di monitoraggio in uso al Corpo che permette il monitoraggio, tramite l’Ais, un sistema automatico di tracciamento utilizzato su navi commerciali superiori alle 300 tonnellate».

Il presidente dell’Area Marina Protetta Capo Milazzo, Giovanni Mangano, ha fatto cenno anche al lavoro svolto con la Guardia Marina Costiera e la Capitaneria di Porto, lavorando in sinergia per il funzionamento dei controlli, con l’ausilio anche della tecnologia, ma –come ha precisato- non per reprimere, ma esercitando l’attività sanzionatoria solo in presenza di incuranza dell’informazione che viene assicurata dall’Amp. Da quando è stata costituita l’Area marina protetta a Capo Milazzo si è registrato un aumento della fauna ittica e del 20% di posiedonia.

DIETRO LE QUINTE: Anche se l’intento della Capitaneria di Milazzo non è quello di reprimere ma vigilare sulla tutela dell’Amp del Capo, dal 2019 fino ad oggi sono stati effettuati 800 controlli ed elevato verbali per illeciti pari a 132 mila euro. A questi si aggiungono 20 mila euro di verbali per violazione del disciplinare che regola l’Amp.

Condividi questo articolo
guest
10 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Don
Don
12 giorni fa

Avete impedito alla brava gente di fare un bagno al capo.Se un poverazzo riesce con sacrifici ad avere una barchetta, perché non può andare liberamente a dare fondo nella sabbia (zona inerte,non fa danno) senza pagare? Costa più ancorare che la benzina per arrivare. Poi arriva yacht vip e non paga

Milazzo
Milazzo
14 giorni fa

È inutile scrivere. Pubblicate solo quello che vi conviene……giornalisti ridicoli

UnMilazzese
UnMilazzese
14 giorni fa

Oramai è chiaro che Oggomilazzo non è una pubblicazione obbiettiva per quanto riguarda la AMP.
Buona parte dei commenti scomodi che spiegano cosa essa sia realmentenon vengono pubblicati e, stranamente, scompaiono pure le valutazioni ai commenti da parte dei lettori

ettore
ettore
15 giorni fa

minchiate,solite minchiate,unico scopo di queste iniziative è fare multe e incassare.

Onesto
Onesto
15 giorni fa

Mi può spiegare come 1 vale 3 ?ci sono barche con licenza (diVaccarella)che 3 giorni la settimana vanno a Pescare nella riserva è nessuno vede forse c’è bisogno di occhiali da vista anche le barche da turismo vanno a Pescare con la scusa del pagamento di ancoraggio. È tutto va bene