I sette chilometri di costa che collegano il Tono al ponte Mela cambieranno volto. La giunta regionale ha inserito il progetto di riqualificazione della riviera di Ponente dell’importo di 14 milioni e 710 mila euro presentato lo scorso anno dal Comune di Milazzo nell’elenco delle progettualità siciliane che verranno finanziate con il Fondo per lo sviluppo e la coesione  (Fsc) 2021-2027) attraverso il Ministero per il Sud.
Risorse che saranno messe a disposizione della Sicilia e quindi dei Comuni destinatari, già nei prossimi mesi, subito dopo l’insediamento del nuovo governo nazionale. L’obiettivo di questa misura di finanziamento è il recupero urbanistico ed ambientale  di siti e strutture  attraverso una serie di opere che oltre  ad assicurare la messa in sicurezza, consentano una reale fruizione.

Grazie a queste risorse i sette chilometri di costa che collegano il Tono al ponte Mela cambieranno volto attraverso una valorizzazione del water front e di tutto il terrapieno che in molte zone si presenta disastrata e incompleto, dopo che il previsto intervento con i Pios non ha dato i riscontri che si attendeva per tutta una serie di traversie giudiziarie e amministrative.

Questo progetto rappresentava sicuramente la scommessa più importante per l’Amministrazione guidata dal sindaco Pippo Midili che pochi mesi dopo l’insediamento ha deciso di presentare questa progettualità, redatta dagli uffici con la collaborazione dello studio Ufo, coerente anche con il Piano delle aree demaniali (Pudm) in fase di definizione. Progetto presente anche nel Piano triennale delle opere pubbliche.

«Quando abbiamo presentato il progetto a Palermo eravamo fiduciosi – afferma il primo cittadino – e oggi sono davvero felice dell’ennesimo gesto di attenzione che il presidente Musumeci ha rivolto nei confronti di questa città. Lo ringrazio a nome di tutti i miei concittadini perché questo intervento rappresenterà sicuramente il momento di svolta per Milazzo visto che andremo a valorizzare la zona che, assieme al promontorio del Capo, ha le maggiori potenzialità dal punto di vista turistico, Un grazie ovviamente anche al deputato Pino Galluzzo che da sempre si è speso per la nostra città, dimostrando vicinanza ma soprattutto sinergia con l’attività portata avanti dall’Amministrazione».

COSA PREVEDE IL PROGETTO. Il progetto divide la riviera  di Ponente in 4 aree tematiche interconnesse: l’area culturale, l’area verde, la zona mercato e l’area sportiva, con l’adozione di azioni volte alla salvaguardia dei tratti di litorale interessati da fenomeni erosivi.

L’area  culturale è compresa tra la baia del Tono, la più frequentata durante il periodo balneare, fino allo stadio di calcio che sarà demolito per ricavare un’ampia area da destinare a parcheggio ed inserendo un’ampia gradonata come belvedere, protesa verso la spiaggia. Lungo questo percorso si troveranno dei “salotti all’aperto”.

L’area verde, cioè l’esistente macchia verde verrà integrata con altre alberature e piante colorate resistenti alla salsedine e prive di manutenzione. Al percorso delle pinete si aggiungerà anche quello del giardino terapeutico, nell’area dell’attuale tiro a segno. All’incrocio tra San Papino e via Marinaio d’Italia, una nuova piazza con tribuna integrata permetterà di godere dei tramonti di ponente. Il vecchio palazzetto dello sport verrà sostituito con un impianto sportivo polivalente aperto. Per agevolare lo svolgimento del mercato settimanale, tutti i parcheggi carrabili e i servizi saranno potenziati.

L’area mercato ospiterà anche percorsi dedicati ad attività motorie e si potranno organizzare gare di triathlon, ciclismo e atletica in uno spazio sicuro integrato con gli stabilimenti balneari. Saranno presenti in maniera diffusa nuovi servizi igienici (ogni 400 m circa) con docce (ogni 200 m circa) e accessi sicuri all’arenile per disabili e normodotati e altri parcheggi sul margine stradale.

Oltre al vecchio Palasport, previste anche lo spostamento del campo di calcio “Marco Salmeri” e dell’area del  poligono di tiro a segno di via Tukory, per la quale l’Amministrazione chiederà al demanio militare di individuare un’altra sede.

DIETRO LE QUINTE. Si vociferava da tempo che grazie ai buoni uffici dell’onorevole Pino Galluzzo – da sempre vicino al presidente Musumeci –  il progetto del nuovo lungomare fosse stato inserito in una linea di finanziamento della Regione. Le stesse voci davano per scontato che l’ufficializzazione sarebbe giunta a ridosso delle elezioni per il rinnovo dell’Ars e della presidenza.

Condividi questo articolo
guest
31 Commenti
Newest
Oldest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Pinella Ieni-
Pinella Ieni-
1 mese fa

Spero per mercato non si intenda sporcizia e degrado! Zona sport significa caos di fronte le abitazioni dei residenti?Mettete luci, panchine ed alberi per creare ristoro dal sole e permettere di PASSEGGIARE E riposarsi , non vorremmo non poter piu’ camminare per lasciare posto alle bici o a gare! Gr

pippo
pippo
1 mese fa

forse mi sfugge qualcosa…ma dall’area mercato fino al torrente mela che faranno???

Santineddu
Santineddu
1 mese fa

Forza milazzoti ‘esperti’ cominciate a criticare e sparlare…è meglio lo schifo attuale?
Una preghiera al sindaco…mettete 50 mila telecamere perché noi milazzoti non abbiamo
il senso civico e la difesa del bene comune.

Mauro
Mauro
1 mese fa

L’unica cosa sensata sarebbe quella di demolire quel capannone detto Palazzetto e spostare il tiro a segno. Quest’ultimo potrebbe nascere anche in aperta campagna. Si recupererebbe una grande porzione di bella spiaggia e si avrebbero altri parcheggi

Mauro
Mauro
1 mese fa

Pubblicizzare milioni in arrivo non vuol dire niente. E dei miliardi arrivati e spesi 20 anni fa per avere la riviera di ponente attuale non ne parla nessuno ? Anche allora c’era un progetto faraonico…….. Personalmente farei 7 KM di pineta. Costo irrisorio e manutenzione 0